Vai a…

GameLive

HiTech - Informazioni dal Mondo digitale

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 3.360 altri iscritti

RSS Feed

28/05/2018

Realta Virtuale

Don’t Knock Twice: recensione e video recensione

Il mondo dei tie-in è un mondo bizzarro. Già dai primi anni del novecento è stato dimostrato come sia possibile adattare i contenuti di un determinato medium all’interno di un altro con intelligenza, grazie a splendidi romanzi tradotti in splendidi film. Non sempre gli adattamenti si rivelano riusciti, ma ad oggi ricordiamo come capisaldi della

VoxBox, la Terapia dell’Urlo applicata alla VR

Oramai non è così insolito vedere la realtà virtuale applicata in svariati ambiti della nostra vita, tantomeno all’interno della sanità e dell’assistenzialismo. Tra gli utilizzi più notevoli, ricordiamo senz’altro quelli per la salute mentale: tra terapia del dolore, per aiutare pazienti chirurgici (e non) ad avere sollievo nelle proprie sofferenze, e cura di tossicodipendenza e

Rec Royale, il battle royale che incontra la VR

Call of Duty l’ha annunciato recentemente, persino Battlefield V si vocifera ne avrà uno. Il battle royale ha oramai invaso più titoli, influenzando una buona fetta del mercato videoludico e colpendo, ovviamente, soprattutto gli sparatutto. Tuttavia, chi avrebbe mai pensato che tale modalità sarebbe riuscita a sfondare anche la barriera della realtà virtuale? Il primo grande

Oculus implementa i DLC a pagamento sul Mobile Store

Essendo uno dei temi più caldi del panorama videoludico moderno, i DLC sono sempre stati al centro di accese discussioni. I contenuti scaricabili -a pagamento o meno- sono da molto tempo ormai degli strumenti comuni su diverse piattaforme e hanno portato alcune modifiche, più o meno sostanziose, alla maggior parte dei titoli presenti sul mercato.

WinFuture: Google sta realizzando un visore standalone per competere con HoloLens

WinFuture, sito tedesco che tratta svariati ambiti del tech, sostiene di aver ottenuto dei documenti in grado di comprovare l’esistenza di un misterioso progetto di Google, chiamato “A65“, che riporta a un nuovo visore standalone per la realtà aumentata. Questo dispositivo pare disponga di processori costruiti da Qualcomm e, in maniera del tutto simile a

Kinect sarà integrata nella nuova versione di HoloLens

Tra le varie novità annunciate da Microsoft al Build 2018, l’azienda ha parlato anche dell’arrivo di nuovi sensori di alta precisione per la prossima generazione di Kinect. A questo proposito Alex Kipman ha affermato a chiare lettere che questo sensore è quello che darà nuove funzionalità alla prossima versione di HoloLens. La nuova versione di HoloLens Tornando un poco indietro nel

Google sta lavorando a un visore AR stand alone

        Rimaniamo in ambiente AR e, dopo avervi comunicato le ultime previsioni di lancio sugli Apple Glass, attraversiamo la barricata e approdiamo sul fronte Google, anch’essa impegnata nello sviluppo di un visore AR stand alone. Per quanto riguarda le voci e le indiscrezioni emerse in rete, il dispositivo sarà autonomo e basato su un chipset

Cliff Bleszinski: dal team di LawBreakers, ecco i concept art di alcuni giochi in VR

Negli ultimi giorni, una notizia in particolare ha segnato il mercato videoludico: Cliff Bleszinski ha deciso di chiudere, senza alcun ripensamento, Boss Key Productions, lo studio indipendente che ha gestito negli ultimi cinque anni. Questi nomi non vi dicono nulla? Allora, procediamo con ordine. Bleszinski è un design director che vanta ben vent’anni di esperienza in

Post più vecchi››