Le app di contact tracing europee potrebbero cooperare per il nostro bene, Immuni è in prima linea

Le app di contact tracing europee potrebbero cooperare per il nostro bene, Immuni è in prima linea

Le app di contact tracing sono la soluzione che i diversi governi mondiali hanno messo in campo per contrastare la diffusione del COVD-19 sfruttando la tecnologia dei nostri smartphone e dispositivi mobili. Sappiamo bene che quella italiana si chiama Immuni, la quale presto potrebbe cooperare con le colleghe europee.

La Commissione Europea ha avviato il test di un servizio gateway di interoperabilità per le applicazioni nazionali di tracciamento dei contatti e allerta in tutta l’Europa. Un servizio gateway, in sostanza, permetterebbe la trasmissione di informazioni tra i server back-end delle applicazioni nazionali, con l’obiettivo di rendere continuativo il funzionamento congiunto delle app anche a livello internazionale. L’obiettivo finale consiste nel permettere un tracciamento a livello europeo dei contatti installando la singola app di contact tracing nazionale.

LEGGI ANCHE: Nokia 800 Tough, la recensione

I primi test sono stati avviati sui collegamenti tra server back-end delle applicazioni ufficiali di Repubblica Ceca, Danimarca, Germania, Irlanda, Italia e Lettonia. Il gateway sul quale si baserà il progetto della Commissione Europea è stato sviluppato e realizzato da T-Systems e SAP, sarà gestito dal Data Center della Commissione a Lussemburgo. La sua operatività a pieno regime è prevista per ottobre.



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: