Le spese relative alla connettività 5G costringono Apple a limare i costi per mantenere coerenti i prezzi di iPhone 12

Le spese relative alla connettività 5G costringono Apple a limare i costi per mantenere coerenti i prezzi di iPhone 12

L’introduzione della connettività 5G si sta rivelando una gatta da pelare per molti produttori tecnologici, tra cui Apple. Visti i costi non indifferenti da affrontare per rendere compatibili i dispositivi con la rete di nuova generazione, la necessità è quella di limare quanto più possibile le cifre richieste da altre parti.

Secondo il noto analista Ming-Chi Kuo, l’adozione della tecnologia 5G Sub-6GHz costerebbe ad Apple una cifra compresa tra i 75 e i 135 dollari per dispositivo. Per questo, il colosso di Cupertino si starebbe già impegnando per ridurre i costi in altre parti. Uno degli aspetti più probabili, continua Kuo, è quello della batteria. Lo sviluppo relativo a quell’area (che non si limita quindi alla sola batteria che che comprende anche i contatti e gli alloggiamenti per essa) potrebbe portare ad un abbattimento dei costi addirittura del 50% rispetto ad iPhone 11, ulteriormente migliorabile in futuro.

LEGGI ANCHE: Apple contro tutti: anche New York Times e WSJ si aggiungono al coro di proteste insieme a Spotify e Epic

La questione sta dunque rimbalzando tra Apple e i suoi fornitori, che sentono il fiato sul collo non solo per i componenti dei nuovi iPhone 12, bensì anche per i rumor relativi alla prossima generazione di AirPods (la terza), che vedono un cambio da surface-mount technology (SMT) a system-in-package (SiP), esattamente come accaduto su Airpods Pro.



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: