Lo smartphone Android più potente: il nostro test (video)

Lo smartphone Android più potente: il nostro test (video)

Negli smartphone odierni abbiamo imparato che ci sono caratteristiche che sono ormai comuni a buona parte degli smartphone e abbiamo speso più volte parole (già nel 2013!) per cui i medio gamma siano ormai più che sufficienti per buona parte degli utenti e di come i top di gamma siano ormai smartphone per chi vuole scoprire le nuove tecnologie, ma come in vari casi la spesa più alta non sia del tutto giustificata.

Se c’è qualcosa per cui però i nuovi smartphone top di gamma e premium sono inarrivabili è nella potenza. Questi smartphone hanno prezzi più alti non solo per i materiali con cui sono costruiti o i display ad alto refresh rate, ma anche perché utilizzando gli ultimi processori sul mercato e pertanto hanno costi istantaneamente più consistenti. Abbiamo scelto quindi di analizzare quattro dei più prestanti smartphone sul mercato dal punto di vista della potenza pura.

Nella nostra selezione siamo partiti dalle piattaforme SoC, e abbiamo scelto quindi uno smartphone per gli Eynoxs di Samsung, uno per i Kirin di Huawei e uno per gli Snapdragon di Qualcomm. Per quest’ultima categoria abbiamo voluto tirare dentro un secondo contendente, visto che l’azienda americana ha di recente sdoppiato la sua offerta.

Ecco i “contendenti”:

I contendenti si sono sfidati in un round di benchmark: 6 test dell’ultima versione di AnTuTu senza interruzione. Ecco i risultati, mostrati anche nel grafico sotto:

  • ASUS ROG Phone 3: 632.000, 632.000, 620.000, 617.000, 604.000, 598.000
  • Huawei P40 Pro+: 482.000, 396.000, 353.000, 327.000, 328.000, 331.000
  • OnePlus 8 Pro: 581.000, 580.000, 563.000, 513.000, 473.000, 479.000
  • Samsung Galaxy S20 Ultra: 510.000, 497.000, 448.000, 446.000, 375.000, 375.000

I commenti li lasciamo al video che abbiamo pubblicato in apertura e in chiusura di questo articolo.

Abbiamo poi provato le performance di gioco, utilizzando un PerfDog per tracciare le performance dell’hardware su un periodo di 10 minuti e mostrando come una fase di gioco intenso venisse gestita dalle diverse CPU e come anche venisse o meno mantenuto il framerate durante il gioco. Abbiamo anche riportato una breve analisi sui consumi (approssimati) durante questi 10 minuti di gioco.

Vi lasciamo al video completo dove vi raccontiamo l’intera esperienza:

Il vincitore di questo confronto è sicuramente ASUS ROG Phone 3, l’unico a gestire in modo più scalabile i consumi energetici e la potenza (grazie alla modalità-X) e che è stato anche capace di mantenere le migliori prestazioni e più a lungo di tutti. Questo dimostra la superiorità, almeno se si parla di potenza pura, gaming o altre operazioni molto intense, della piattaforma Snapdragon, unita però in questo caso anche a tutta una serie di ottimizzazioni energetiche e di temperatura che solo lo smartphone ASUS può offrire. OnePlus 8 Pro si è comunque difeso bene e così anche Huawei P40 Pro+, forte sopratutto del suo consumo energetico decisamente inferiore. Su sessioni di utilizzo molto prolungato la CPU però mostra dei punti di debolezza. Samsung Galaxy S20 Ultra non si è comportato male in senso assoluto, ma sicuramente le temperature più alte e i consumi più sostenuti non lo hanno certamente aiutato. Siamo molto curiosi di testare la versione “rifinita” di Note 20 per scoprire se ci sono stati miglioramenti.



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: