Recensione Amazfit Bip S: nuovo aggiornamento, nuovo centro! (foto e video)

Recensione Amazfit Bip S: nuovo aggiornamento, nuovo centro! (foto e video)

Non si può certo dire che Amazfit sia un’azienda che dorme sugli allori. Dopo aver lanciato Bip e Bip Lite, due degli smartwatch più economici e di successo di sempre, ecco arrivare anche il nuovo Bip S, che sostituisce in toto i due modelli e che porta con sé qualche interessante novità.

LEGGI ANCHE: Migliori smartwatch

7.0

Confezione

La confezione arancione di questo Bip S contiene all’interno l’orologio con un cinturino in silicone dalla misura unica, adatto per qualsiasi tipo di polso, dal più esile al più robusto. Oltre al prodotto principale troviamo ovviamente anche l’alimentatore con la basetta che carica ad incastro l’orologio tenendolo sdraiato. Il tipo di connettore per la ricarica è USB e dovrete collegarlo ad un vostro alimentatore o un vostro PC.

8.0

Costruzione e vestibilità

Se parliamo di qualità costruttiva e design non è cambiato praticamente nulla rispetto al passato. Abbiamo il solito orologio rettangolare in plastica, con aggancio standard per i cinturini e una cornice anch’essa in plastica attorno al vetro protettivo frontale che copre il display. Sul lato destro abbiamo un tasto in alluminio, nel nostro modello dello stesso colore della cornice rossa, che permette di risvegliare l’orologio e accendere la retroilluminazione. Al polso è leggerissimo con i suoi 31 grammi ed è anche abbastanza sottile da non impigliarsi nei vestiti con le maniche più lunghe. L’orologio è poi adesso impermeabile con resistenza 5ATM, andando quindi a battere in tal senso i suoi predecessori.

8.5

Hardware

Interessante l’aggiornamento hardware di questo orologio. Quello che sicuramente è interessante è il ritorno del GPS, escluso dalla versione Lite per contenere prezzo e consumi. Abbiamo poi anche un aggiornamento del Bluetooth che passa alla versione 5.0, aiutando a mantenere il consumo energetico ridotto. Presente la bussola digitale e il sensore di battito cardiaco BioTracker di Huami sul retro, che garantisce buoni risultati nel complesso, sopratutto durante l’attività fisica.

8.0

Display

Molto buono per la fascia di prezzo il display da 1,28 pollici con risoluzione di 176 x 176 pixel. Lo schermo è di tipo transflective e quindi si riesce a vedere ottimamente anche senza attivare la retroilluminazione, che è comunque a disposizione per tutte le volte che non c’è abbastanza luce, semplicemente ruotando il polso o premendo il tasto laterale. In ogni caso l’orologio garantisce di poter verificare l’orario con un colpo d’occhio grazie all’always-on display del quadrante da voi scelto.

9.0

Software

Il software di questo Bip S è leggermente diverso da quello visto sui precedenti modelli, benché le funzioni principali rimangano le stesse. Scorrendo verso l’alto si accede alle ultime notifiche ricevute, mentre verso il basso si apre il pannello di controllo rapido con alcuni “interruttori rapidi” come quello per la modalità non disturbare, che si può anche impostare su smart affinché si attivi da sola quando riconosce che vi siete addormentati. Scorrendo invece dai lati potrete aprire delle schede rapide: il controllo musicale dei brani sullo smartphone, i passi giornalieri, il valore PAI, il battito cardiaco puntuale e il meteo. Queste schede a loro volta possono essere fatte scorrere verso l’alto per rivelare maggiori dettagli. Il valore PAI (personali activity intelligence) è un valore dato da Huami che dovrebbe sempre mantenersi sopra 100 per garantire un buon valore di attività fisica e uno stato di salute ottimale. È un valore comodo affinché tutta la vostra attività fisica non si basi soltanto sul numero di passi giornalieri.

Soffermiamoci poi un attimo sulle notifiche che hanno ricevuto un paio di aggiornamenti interessanti: il primo è che non mostrano più i messaggi delle chat aggregati ma finalmente separati per ogni singolo messaggio e l’altro è la possibilità di rimuovere la notifica anche sul telefono cancellandola dal polso. Purtroppo però immagini e emoji sono ancora non visibili, così come non è possibile rispondere in alcun modo a queste notifiche.

Premendo il tasto fisico si accede alla lista delle applicazioni dove in più troviamo la sveglia, la bussola e il timer. All’interno del menù Attività abbiamo 10 sport fra cui scegliere: corsa all’aperto, corsa al chiuso, ciclismo, ciclismo al coperto, stile libero, camminata, nuoto in aree pubbliche, piscina, ellittica e yoga. Siamo rimasti positivamente stupiti della precisione del GPS, anche nelle aree urbane, se escludiamo il primo minuto circa in cui (forse a causa di un fix ancora non molto solido) ci possono essere minime deviazioni sul tracciato. Bene anche il battito cardiaco, almeno per gli standard di questa tipologia di prodotti.

Tutto può ovviamente essere gestito con semplicità con l’ultima versione dell’app Amazfit per smartphone Android e iOS, dove è anche molto pratico rivedere tutte le proprie attività fisiche, come anche gestire le impostazioni dell’orologio e consultare in modo più chiaro e con vari suggerimenti il nuovo valore PAI e i dati del sonno, anche questi tracciati del tutto in automatico.

9.5

Autonomia

L’azienda per questo orologio dichiara un’autonomia che varia fra i 15 e i 40 giorni in base al tipo di utilizzo e che arriva anche a 90 in standby (nel vostro cassetto). Dai nostri test l’autonomia si aggira fra i 20 e i 25 giorni con una singola carica, un valore ottimo in assoluto fra tutti gli smartwatch in circolazione.

Prezzo

Amazfit Bip S ha un prezzo di 69€, molto contenuto e in linea con gli altri prodotti Amazfit, del presente e del passato. Lo trovate disponibile all’acquisto sullo shop ufficiale di Amazfit Italia.

Foto



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: