Call of Duty: è guerra ai commenti razzisti (occhio ai ban)

Call of Duty: è guerra ai commenti razzisti (occhio ai ban)

Come avrete sicuramente letto sulle nostre pagine, Activion Blizzard ha deciso di posticipare i nuovi contenuti dell’attesa Stagione 4 di Call of Duty: Modern Warfare e Call of Duty:Warzone, a causa delle gravi proteste negli Stati Uniti. La morte di George Floyd, avvenuta lo scorso 25 maggio 2020, è stata infatti la miccia che ha fatto

L’articolo Call of Duty: è guerra ai commenti razzisti (occhio ai ban) proviene da SpazioGames.



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: