NBA 2K League, in attesa dell’NBA parte la terza edizione esports

NBA 2K League, in attesa dell’NBA parte la terza edizione esports

di Massimiliano Di Pasquale

In attesa di capire come e se ripartirà la stagione oltreoceano con i noti problemi legati al Covid-19, la palla a spicchi continua a rimbalzare sui parquet virtuali. In questi giorni, infatti, sta andando in scena la terza edizione della NBA 2K League. Gestita direttamente dalla National Basket Association in collaborazione con Take-Two Interactive, il campionato eSportivo di pallacanestro vede 23 squadre ai nastri di partenza.

Dai Raptors Uprising GC, fratelli dei più celebri Toronto Raptors, fino ai campioni in carica dei T-Wolves Gaming (Minnesota Timberwolves): la lega è sempre più in crescita e proprio durante questa stagione ha varcato per la prima volta i confini nordamericani per arrivare in Asia, dove la nota organizzazione Gen.G esports ha deciso di acquisire uno slot nella NBA 2K League per aiutare a costruire il marchio multiculturale dell’organizzazione.

Se LeBron James incanta a suon di schiacciate e giocate da fenomeno tifosi e appassionati, Nidal Nasser meglio conosciuto come Mama Im Dat Man fa lo stesso con il pad. Veste la maglia virtuale dei Blazers Gaming (Portland Trail Blazers) e nel suo curriculum c’è già un titolo MVP, guadagnato durante la scorsa stagione da rookie. Al momento guida la classifica dei marcatori con 23 punti di media, anche se i suoi Blazers sono costretti a rincorrere il duo di testa composto da Raptors Uprising GC e Warriors Gaming Squad.

Il format, invece, non si discosta di tanto da una normale partita di pallacanestro. La modalità scelta dalla lega è la Pro-Am di Nba 2k20. Ogni squadra ha cinque giocatori e ognuno ha il suo ruolo all’interno del quintetto: dalla guardia tiratrice all’ala piccola, fino al centro che ha il compito di strappare rimbalzi e combattere sotto le plance. Tutto come nella realtà, tanto che ESPN vista la pandemia in corso e la mancanza di gare ufficiali ha deciso di trasmettere sui propri canali alcune delle partite, portando gli eSports in un palcoscenico diverso da Twitch e You Tube. Un traguardo niente male, che potrebbe essere di buon auspicio per tutto il movimento.

L’articolo NBA 2K League, in attesa dell’NBA parte la terza edizione esports proviene da EsportsMag.



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: