Il Samsung Galaxy Watch Active 2 supporterà la misurazione della pressione sanguigna (aggiornato)

Il Samsung Galaxy Watch Active 2 supporterà la misurazione della pressione sanguigna (aggiornato)

Una buona notizia per tutti i possessori di Galaxy Watch Active 2 (e per i futuri possessori di smartwatch Samsung). Il Ministero sud-coreano incaricato di regolamentare generi alimentari, farmaci e dispositivi medici ha infatti dato il via libera al nuovo protocollo di Samsung riguardante l’attivazione della funzionalità di misurazione della pressione sui propri wearable compatibili.

La spinta di Samsung verso l’implementazione di tale funzione nei propri watch rappresenta un ulteriore passo verso il monitoraggio costante dei parametri vitali sensibili di una persona e per un valore come la pressione sanguigna, direttamente collegata a possibili problemi a cuore, fegato, cervello e altro, questo è più che mai importante.

Una volta che la funzione sarà attivata sui dispositivi interessati, sarà necessario effettuare una prima misurazione standard di calibrazione tramite polsino apposito (ovviamente dotato di Bluetooth), a quel punto il Watch sarà in grado di misurare autonomamente la pressione attraverso l’analisi delle onde di pulsazione, utilizzando i sensori adibiti al rilevamento del battito cardiaco. Per garantire un risultato coerente nel tempo, l’utente dovrà rieffettuare la calibrazione mediante polsino una volta al mese.

LEGGI ANCHE: Attenzione ai finti SMS di Poste Italiane

Va da sé che questa soluzione non costituisce una completa alternativa alla misurazione standard (sia essa analogica o smart), quanto più un buon modo per monitorare i propri valori anche in situazioni in cui non è possibile usufruire di un polsino (ad esempio durante una sessione di esercizio fisico o durante il sonno). La misurazione della pressione sanguigna arriverà nei dispositivi Samsung compatibili (per ora solo Galaxy Watch Active 2) a partire dal terzo trimestre dell’anno.

Aggiornamento18/05/2020

L’irreprensibile Max Weinbach colpisce ancora. Il noto leaker infatti è riuscito a mettere mano a degli apk trapelati per poter testare in prima persona la misurazione della pressione sanguigna, a suo dire molto accurata. Curiosamente la funzione risulta disponibile solamente per gli utenti di età superiore a 22 anni, il che ha immediatamente reso terreno fertile per la nascita di futuri meme.



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: