Disney+ entra tra i grandi dello streaming a pochi mesi dal lancio, ma non è tutto rose e fiori (foto)

Disney+ entra tra i grandi dello streaming a pochi mesi dal lancio, ma non è tutto rose e fiori (foto)

Disney+ è il nuovo servizio di streaming che è arrivato ufficialmente nel nostro paese nel pieno dell’emergenza sanitaria, in un periodo che sicuramente ha favorito la crescita degli utenti, costretti a rimanere confinati tra le mura di casa.

Disney ha iniziato a lanciare il suo servizio di streaming multimediale a partire da novembre scorso, e in appena sei mesi ha raggiunto quota 54 milioni di utenti. Un risultato che è arrivato in concomitanza con lo Star Wars Days. Si tratta di un numero relativamente impressionante: Disney si era posta come obiettivo tra i 60 e i 90 milioni di utenti entro 5 anni dal lancio ufficiale. E questo risultato la colloca tra i grandi dello streaming: il mercato è dominato da Netflix, con i suoi 182 milioni di utenti, mentre Disney potrebbe presto dar del filo da torcere a Prime Video per il secondo posto nel mercato occidentale.

LEGGI ANCHE: quale MacBook comprare? La nostra guida

Ma come abbiamo detto nel titolo, non è tutto rose e fiori per Disney: se da una parte Disney+ regala soddisfazioni e profitti più alti delle previsioni, dall’altra l’emergenza sanitaria ha costretto la chiusura di tutti i parchi divertimento Disney nel mondo. Per comprendere la gravità della perdita, basti pensare che solitamente i proventi dei parchi forniscono a Disney il 58% delle sue entrate e nell’ultimo trimestre questo tipo di proventi sono calati almeno del 70%.

Dunque ci aspettiamo che, finché l’emergenza sanitaria non sarà conclusa, Disney spingerà ulteriormente sul suo servizio di streaming. Questa spinta potrebbe arrivare sia in termini di nuovi contenuti che in termini di presenza su nuovi mercati.



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: