Unisoc lancia il primo processore a 6 nm con modem 5G integrato

Unisoc lancia il primo processore a 6 nm con modem 5G integrato

unisoc t7520

Non è stato Qualcomm e non è stato nemmeno MediaTek il chipmaker che ha annunciato il primo processore al mondo per smartphone costruito con un processo produttivo a 6 nm EUV. A battere sul tempo i due colossi ci ha pensato Unisoc, che ha appena svelato al mondo il chipset T7520 per dispositivi mobili. Oltre ad essere il primo costruito a 6 nm, è anche il primo SoC costruito nella nuova fabbrica di TSMC (Taiwan Semiconductor Manufacturing Company).

Grazie al nuovo processo produttivo è stata aumentata la densità dei transistor del 18% mentre il consumo energetico è sceeso dell’8%. Unisoc T7520 è un processore octa-core formato da 4 CPU Cortex-A76 e 4 Cortex-A55, ma non è ancora nota la loro frequenza di clock. Le CPU sono abbinate ad una GPU Mali-G57 che supporta display con risoluzioni fino a 4K HDR+ e frequenze di aggiornamento fino a 120 Hz. Il processore presenta anche un modem 5G integrato che supporta le frequenze sotto i 6 GHz e mmWave, sia con standard SA che NSA, con velocità di trasferimento in upload fino a 3,25 Gbps.

Rispetto ai processori per smartphone con modem 5G esterno, il nuovo Unisoc T7520 utilizza il 35% in meno di energia. Il SoC include anche un ISP a 4 core con supporto a fotocamere fino a 100 MP, e una NPU con performance del 50% maggiori rispetto alla precedente generazione. Il chipmaker inizierà a spedire il chipset già quest’anno, quindi potremmo vedere i primi smartphone in commercio con T7520 già dal 2020.

via: Anandtech

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: