Recensione Huawei MateBook D14 (2020), difficile fare meglio a 699 euro!

Recensione Huawei MateBook D14 (2020), difficile fare meglio a 699 euro!

Dopo l’enorme successo ottenuto con la versione del 2018 del suo MateBook D (recensito sia in versione Intel che AMD Ryzen), Huawei è chiamata a ripetersi in questo 2020 per mantenere le quote di mercato conquistate. Per riuscire in questo obiettivo ha deciso di rinnovare il suo modello più venduto con una nuova piattaforma, un nuovo design e una serie di strumenti e tecnologie che, in precedenza, trovavamo solamente sui modelli top di gamma. Tutto ciò mantenendo un prezzo che, se il prodotto dovesse rivelarsi all’altezza del precedente MateBook D, ne confermerebbe a pieno titolo l’appellativo di Best Buy.


Direi quindi che, fatte queste premesse, posso iniziare a raccontarvi come è andata la mia esperienza con questo nuovo notebook Huawei. Sono stati dieci giorni carichi di lavoro, nei quali ho utilizzato MateBook D14 in sostituzione del mio caro Mi Gaming Laptop in tutte le principali operazioni; ma niente spoiler e andiamo subito al sodo.

FUORI CAMBIA IL GIUSTO

Iniziamo dando uno sguardo all’esterno di questo nuovo MateBook D14. Ad una prima occhiata notiamo immediatamente come le linee si siano notevolmente avvicinate a quelle di MateBook 13 (passato di qui un’anno fa circa) e MateBook X Pro; il display ha cornici decisamente più sottili sui due lati corti e su quello superiore e permette di raggiungere un rapporto schermo dimensioni dell’84%; un notevole passo avanti rispetto al modello 2018. Per raggiungere questo scopo Huawei ha spostato la webcam dalla cornice superiore del display e l’ha inserita sotto ad uno dei keycaps nella riga dei tasti funzione (per la precisione tra F6 e F7).


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: