Vi ricordate della prova gratuita di Stadia? Google ha “accorciato” le tempistiche

Vi ricordate della prova gratuita di Stadia? Google ha “accorciato” le tempistiche

Durante l’evento di lancio del suo servizio di cloud gaming, Google aveva dichiarato che nel corso del 2020 all’interno della piattaforma sarebbe arrivato un pacchetto di giochi completamente gratuiti, ovvero giocabili senza bisogno di sottoscrivere un abbonamento al servizio. I vertici di Google sono sempre stati molto vaghi nel fornire tempistiche più precise, anche se di recente Phil Harrison ha ristretto il periodo di attesa a “giusto qualche mese“.

Non sarebbe quindi dietro l’angolo la possibilità di provare il servizio in maniera gratuita, a fronte delle modalità di accesso previste attualmente (abbonamento a Stadia Pro a 9,99€ al mese + acquisto separato dei singoli giochi). A peggiorare la situazione ci sarebbe inoltre il catalogo piuttosto scarno, anche se questo è un problema relativo.

Se da un lato infatti il numero dei giochi disponibili su una piattaforma è sempre destinato a crescere (è stato così per quasi tutte le principali, e sarà così anche per Stadia, con Google che promette 120 giochi entro fine anno, di cui 10 esclusive), dall’altro è lecito pensare che il modo in cui è stato pensato Stadia dal punto di vista commerciale — e non tecnico, per quello vi rimando alla nostra recensione — non è esattamente il massimo per un utente. Basti pensare al fatto che il servizio analogo di Nvidia, Geforce Now, costa meno ed offre già di più.

LEGGI ANCHE: Google Traduttore sta ricevendo il tema scuro su Android e iOS

Google, alla fine della fiera, sembrerebbe che si stia muovendo per rendere Stadia un servizio competitivo nel mercato ma soprattutto un servizio con una sua identità. Nel frattempo la compagnia sta valutando di introdurre un programma di beta testing usufruendo del servizio GBTN (Global Beta Test Network). Potete accedere al sito di GBTN e collegare il vostro account Stadia per rientrare nella lista degli eligibili al programma beta; allo stato attuale delle cose, tuttavia, non è nemmeno detto che tale programma veda la luce.



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: