UFS 3.1, ufficiali le nuove specifiche. Migliori prestazioni e minori consumi

UFS 3.1, ufficiali le nuove specifiche. Migliori prestazioni e minori consumi

Le specifiche di UFS 3.1 sono state ufficializzate nelle score ore dalla JEDEC, il consorzio che sviluppa lo standard delle memorie di archiviazione a stato solido. Ci sono tre miglioramenti chiave rispetto alle UFS 3.0 presentate quasi esattamente un anno fa, che sono già implementati negli attuali SSD per computer. Migliorano le velocità di trasferimento e ottimizzano il consumo di energia. Rapidamente:


  • Write Booster: è una cache non volatile SLC che incrementerà le velocità di scrittura. La tecnologia è in un certo senso mutuata dai chip NVMe custom che Apple usa sui suoi iPhone e iPad già da diverso tempo ormai (la prima prova tangibile risale addirittura ai tempi del 6s).
  • DeepSleep: il nome lascia intendere in modo piuttosto chiaro che si tratta di un sistema pensato per ottimizzare il consumo energetico; stando alla descrizione ufficiale, sarà destinato a sistemi meno costosi e raffinati.
  • Performance Throttling Notification: il chip/dispositivo UFS potrà segnalare al sistema host eventuali situazioni di rallentamento delle prestazioni causate dal surriscaldamento.


In aggiunta, la JEDEC ha presentato uno standard “parallelo” chiamato semplicemente JESD220-3 (il nome in codice delle UFS 3.1, per riferimento, è JESD220E), e il nome commerciale è Host Performance Booster. Si tratta sostanzialmente di un’estensione che permette di salvare nella DRAM di sistema la mappatura degli indirizzi da logico a fisico. Usando questo tipo di cache le prestazioni di accesso al chip di memoria dovrebbero migliorare, soprattutto sui drive a densità più elevata.


Zero compromessi al miglior prezzo?? Samsung Galaxy S10 Plus, in offerta oggi da Mobzilla a 638 euro oppure da Amazon a 697 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: