Recensione iPhone 11 Pro Max: il top, nella taglia “XL” (foto e video)

Recensione iPhone 11 Pro Max: il top, nella taglia “XL” (foto e video)

Ci siamo presi un po’ di tempo per testare anche la versione “XXL” di iPhone 11 Pro. È stato il nostro compagno per tutte le festività di fine 2019/inizio 2020 e ora siamo pronti a dirvi cosa ne pensiamo, confrontandolo direttamente con il fratello iPhone 11 Pro.

LEGGI ANCHE: Recensioni Apple


6.5

Confezione

Ci sono un paio di belle novità nella confezione di questo iPhone 11 Pro Max. L’alimentatore è finalmente quello rapido da 18W e il cavo è USB-C/lightning, permettendovi di collegarlo ad un MacBook senza necessità di utilizzare adattatori. Abbiamo poi sempre le classiche buone cuffie non in-ear di Apple con connettore lightning e gli adesivi con il logo dell’azienda. Assente purtroppo l’adattatore jack audio da 3,5 millimetri.


9.0

Costruzione ed Ergonomia

iPhone 11 Pro Max è costruito in maniera veramente encomiabile. Sebbene siano tanti gli smartphone realizzati con attenzione negli ultimi anni, iPhone è ancora uno dei pochi che in mano trasmette quel qualcosa in più, dovuto probabilmente ad un più attento studio delle forme, dei materiali e di dettagli come la resistenda del dito allo scorrimento o il rumore se lo si picchietta. Certo: sembrano cose da poco, ma sono quel qualcosa in più che spesso non si riesce a decifrare ma che ci fa dire che un iPhone è migliore della concorrenza. Brava Apple essere sempre attenta su questo fronte. È ovviamente sempre realizzato in acciaio inossidabile con lo stesso vetro satinato posteriore che avevamo visto su iPhone 11 Pro Max. Non ci ha fatto impazzire la colorazione bianca, ma la sensazione al tocco è favolosa e sembra resistere anche bene ai graffi, oltre alle impronte che non si vedono affatto. Presente anche su questo modello il nuovo caratteristico design delle fotocamere sporgenti singolarmente, all’interno di un quadrato di vetro lucido. Anche il profilo metallico è lucido. La resistenza ad acqua è polvere e la certificazione è ora quella massima: IP68. Ovviamente le dimensioni lo penalizzano rispetto al fratello minore. Qui è più difficile da utilizzarlo con una sola mano e indubbiamente gli amanti degli smartphone più maneggevoli farebbero bene a dirigersi verso il modello più compatto.


8.5

Hardware

L’hardware di iPhone 11 Pro Max è identico a quello del modello più compatto. Abbiamo il nuovo processore Apple A13 Bionic (a 7nm) esa core da 2,65 GHz con GPU a 4 core. La RAM ammonta a 4 GB e i tagli di memoria, sempre non espandibili, sono 64, 256 e 512 GB. E anche questa volta il taglio base è decisamente ridicolo se pensiamo alla definizione Pro e allo spazio che occupano ormai molte appe e giochi. Meglio puntare al taglio di memoria superiore. La connettività è ottima: LTE fino a 1600 Mbps, Wi-Fi 6 e Bluetooth 5.0. Presente anche l’NFC, ma come al solito il suo utilizzo principale è la compatibilità con Apple Pay. Ottima la vibrazione con il precisissimo componente del feedback aptico incluso e sempre comodo l’interruttore fisico per silenziare lo smartphone (che in base alla posizione vi darà anche un feedback sullo stato della suoneria). Infine non manca lo sblocco tramite il nuovo Face ID ancora più veloce (almeno nella teoria, nella pratica non si riesce ad apprezzare una differenza). Sempre molto bene l’audio stereo.

SCHEDA: iPhone 11 Pro Max


9.0

Fotocamera

iPhone 11 Pro Max ha la stessa identica fotocamera di iPhone 11 Pro. Parliamo di un sensore principale 12 megapixel ƒ/1.8 stabilizzata otticamente che scatta foto eccellenti (sempre con i limiti dell’essere uno smartphone). Le immagini sono sempre nitide, mai troppo contrastate, con un ottimo bilanciamento delle luci (grazie ad un buon HDR) e con una messa a fuoco estremamente precisa. L’effetto bokeh realizzabile grazie alle fotocamere aggiuntive e poi fra i più elaborati e realistifici in circolazione. Queste “fotocamere aggiuntive” sono una fotocamera da 12 megapixel ƒ/2.0 zoom 2x e una 12 megapixel ƒ/2.4 grandangolare. Ottimo che il passaggio fra le varie fotocamere tramite il selettore virtuale sia estremamente fluido e sembra spesso di avere vari livelli di zoom su una stessa lente (anche l’inquadratura è molto simile fra un’obiettivo e l’altro). Frontalmente abbiamo una 12 megapixel ƒ/2.2 che con l’aiuto del sensore 3D per lo sblocco con il volto può realizzare dei buoni ritratti. Ottimi anche i video: 4K@60fps da entrambe le fotocamere e con possibilità di fare anche qui uno zoom abbastanza fluido fra i sensori. Nel complesso qundi confermiamo le fotocamere di iPhone 11 Pro fra le migliori in circolazione per il periodo a cavallo fra 2019 e 2020.

Non possiamo poi non citare le altre novità: abbiamo la possibilità di raddrizzare le foto dopo lo scatto senza perdere dettagli sui bordi grazie all’utilizzo dei dati di tutti i sensori, una nuova modalità notte semi-automatica che funziona in modo non aggressivo, i nuovi slow-motion video frontali e la nuova tecnologia Deepfusion per migliorare la resa dei dettagli con condizioni di luce intermedia. Anche l’interfaccia di scatto è migliorata con la possibilità di registare i video tenendo premuto il tasto di scatto e con due modalità di zoom per lo scatto “ritratto”.


9.0

Display

Lo schermo è sempre ottimo ma, ovviamente, un po’ più grande. Abbiamo un 6,5 pollici di diagonale con risoluzione 1242 x 2688 pixel in tecnologia OLED, denominato Super Retina XDR. Supporta sia il Dolby Vision che l’HDR10, oltre al “solito” true tone che adatta la tonalità dello schermo alla luce ambientale . Quello che non c’è più è il force touch, sostituito da una nuova implementazione del tocco prolungato. Ovviamente il display più grande meglio si sposa con la fruizione dei contenuti multimediali, dove in proporzione il notch sembra anche meno invasivo.


9.0

Software

Al momento della recensione il software presente su iPhone 11 Pro Max era iOS 13.3. Come avevamo già detto vi invitiamo a leggere la recensione completa di iOS 13, dove vi spieghiamo nel dettaglio tutte le novità. Se volessimo riasusmere con le novità di maggior rilievo segnaleremmo sicuramente la modalità scura, che si può attivare anche in automatico con l’arrivo della notte, la possibilità di scrivere sulla tastiera scorrendo e l’introduzione di un nuovo AirDrop direzionale che permette di scambiare file con altri utenti iPhone semplicemente puntandolo con il proprio dispositivo. Rimane poi sempre al massimo dell’integrazione iCloud. Se vogliamo muovere una critica, essendo iCloud sempre più centrale nel funzionamento di un iPhone, abbiamo trovato il piano base gratuito davvero troppo risicato in termini di spazio.


8.5

Autonomia

La batteria di iPhone 11 Pro Max è corposa. Si tratta di ben 3969 mAh, che potrebbero comunque non sembrare tantissimi se pensiamo alle dimensioni dello smartphone. Eppure l’autonomia di questo smartphone è veramente strepitosa, grazie anche ai miglioramenti fatti nello specifico per questo modello, che gli fanno guadagnare altre ore di utilizzo ogni giorno. Si riesce ad arrivare a fine giornata con qualsiasi tipologia di utilizzo e con un utilizzo più moderato (chiamiamolo “da weekend”) è possibile anche arrivare a due giorni senza mai fagli toccare un alimentatore. Ricordiamo poi che supporta la ricarica wireless e la ricarica rapida a 18W.


5.5

Prezzo

iPhone 11 Pro Max è uno smartphone costoso, visto che si parte da 1289€ per il taglio base (che noi sconsigliamo) e che si sale poi a 1459€ per il 256 GB e 1690€ per il 512 GB, diventando uno degli smartphone più costosi in commercio. Noi abbiamo preso iPhone 11 Pro Max su ePRICE, dove i prezzi sono comunque solo leggermente più bassi.

Foto



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: