Organizzare le festività di Natale è più facile con Assistant, parola di Google

Organizzare le festività di Natale è più facile con Assistant, parola di Google

Natale è alle porte, e a volte è necessario avere un po’ di organizzazione per non diventare matti nel cercare di incastrare tutti gli impegni. Ecco che quindi Google vuole darci qualche consiglio su come semplificarci la vita usando Assistant.

LEGGI ANCHE: Cosa regalare a Natale 2019

Purtroppo non tutti i consigli sono disponibili in italiano, ma, nel caso siate poliglotti, con Assistant è possibile:

  • Organizzare note e liste: da oggi è disponibile gestire le proprie note e le proprie liste utilizzando vari servizi quali Google Keep, Any-do, AnyList e Bring! direttamente da Assistant. La funzionalità è disponibile su tutti i dispositivi compatibili (smartphone compresi) e per attivarla bisogna recarsi nel tab “Servizi” di Google Assistant. Noi personalmente non abbiamo trovato l’opzione all’interno delle impostazioni, ma non è stata indicata alcuna restrizione geografica alla funzionalità.
  • Assegnare promemoria a membri della famiglia: è possibile assegnare promemoria ai propri coinquilini o a membri della nostra famiglia. In questo caso non abbiamo notizie diverse da quelle di agosto: è disponibile solo negli USA, UK e Australia.
  • Trova e condividi foto: su un dispositivo Android è possibile chiedere ad Assistant di cercare le foto e di condividerle con i propri contatti.
  • Ascoltare un podcast in base all’argomento: con Assistant impostato sulla lingua inglese è possibile chiedere di ascoltare dei podcast in base agli argomenti. L’assistente, in automatico, suggerirà degli episodi da ascoltare.
  • Lo shopping compulsivo passa tramite Assistant: questa funzionalità avrà poco seguito in Italia: con Assistant è possibile ordinare rapidamente qualche prodotto da andare a ritirare nelle vicinanze. Per esempio, potete chiedere ad Assistant di ordinare un Latte da Dunkin’ Donuts (se avete l’app corrispondente installata) e l’ordine verrà preparato.

Come avete notato si tratta di funzionalità che potrebbero essere “globali” ma che Google non ha ancora portato nel nostro Paese. Tuttavia, può essere che vengano rilasciate a breve, dunque tenete le orecchie aperte.



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: