Qualcomm: driver aggiornabili su mobile e prima piattaforma XR con 5G

Qualcomm: driver aggiornabili su mobile e prima piattaforma XR con 5G

I processori Qualcomm diventano sempre più potenti e in quanto tali hanno bisogno di sempre più supporto. Il chipmaker di San Diego ha appena annunciato i driver aggiornabili per le GPU dei suoi nuovissimi chipset Snapdragon 865 e 765 che alimenteranno gli smartphone commercializzati nel 2020. L’azienda rilascerà gli aggiornamenti dei driver attraverso il Play Store, dove gli utenti potranno scaricarli e installarli come si fa con una semplice app.

Proprio come accade per processori e schede grafiche per PC, anche i processori Qualcomm potranno aggiornare i loro driver per implementare patch di sicurezza, risolvere i bug e migliorare le prestazioni per i videogiochi più recenti. Si tratta di qualcosa di molto utile per tantissimi utenti perchè i sistemi operativi, i videogiochi ed anche i codici malevoli si evolvono continuamente, per cui c’è bisogno di un continuo supporto per ottenere sempre il top dai componenti e dai dispositivi.

Android supporta già da molto la possibilità di aggiornare i driver, ma solo adesso, grazie a Qualcomm, è possibile farlo effettivamente. Purtroppo però la scelta di permettere o meno l’installazione dei nuovi driver spetta ai produttori degli smartphone, per cui non sarà sempre possibile ottenerli con tutti i dispositivi.

Al suo Tech Summit 2019 tenutosi alle Hawaii Qualcomm ha lanciato anche Snapdragon XR2: la sua prima piattaforma per la realtà estesa (che combina realtà virtuale, aumentata e mista) con supporto al 5G. Si basa sul processore Snapdragon 865 offrendo un pixel rate di 1,5 volte maggiore e un texel rate di 3 volte migliore, nonchè un’elaborazione AI 11 volte più veloce, una banda video 4 volte maggiore e il supporto a 7 fotocamere per rilevare testa, bocca, mani e occhi in tempo reale. Ha inoltre il supporto a 2 display con risoluzione 3K a 90 fps e può riprodurre video 8K a 360 gradi e a 60 fps o 4K a 120 fps.



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: