L’industria dei videogiochi presenta i principi universali degli eSports

L’industria dei videogiochi presenta i principi universali degli eSports

Le Associazioni che rappresentano l’industria dei videogiochi a livello globale, inclusa una rappresentanza italiana (AESVI), europea (ISFE), degli Stati Uniti d’America (ESA), del Canada (ESAC), di Australia e Nuova Zelanda (IGEA), del Regno Unito (UKIE) e di numerosi altri paesi, hanno rilasciato una serie di principi universali degli eSports. Questi principi sono stati sviluppati congiuntamente dalle diverse Associazioni internazionali e sono stati pensati per essere applicati in tutti i diversi contesti esports nel mondo.

BOOM – Gli eSports stanno vivendo un periodo di grande crescita, sia in termini di spettatori che di giro d’affari. Il videogioco competitivo non è solo coinvolgente per coloro che giocano, ma si sta evolvendo per garantire una partecipazione sempre più attiva anche da parte del pubblico e dei fan. Nell’ultimo anno, stando ai dati rilasciati da Newzoo, il pubblico degli eSports a livello mondiale ha raggiunto circa 500 milioni di persone e il giro d’affari ha superato 1 miliardo di dollari. In prospettiva di un ulteriore sviluppo del settore, la comunità degli eSports ha quindi un legittimo interesse nel supportare le migliori condizioni di gioco.

LE BASI – È fondamentale che ciascun player o spettatore possa essere coinvolto attivamente in modo positivo e stimolante. Così facendo, gli esports potranno continuare ad essere un’attività e un’industria inclusiva e capace di emozionare. Le linee guida che seguono puntano a promuovere valori come il rispetto, l’inclusività, la sicurezza, l’integrità e il fair play. Vediamole nel dettaglio.

I PRINCIPI – Il primo principio è “Sicurezza e bennessere”: tutti i membri della comunità degli eSports hanno il diritto di partecipare alle competizioni in ambienti sicuri in cui siano banditi comportamenti o linguaggi violenti, che possano sfociare in minacce o molestie. Il secondo è “Integrità e fair play”: viene condannata ogni azione volta a barare o a compiere azioni di hacking, così come tutti i comportamenti disdicevoli, ingannevoli o disonesti. Il terzo principio, Rispetto e inclusività”, vede gli eSports promuovere uno spirito di sana competizione. In eventi dal vivo così come online, tutti i membri della comunità eSports devono mostrarsi rispettosi e cordiali nei confronti degli altri, che si tratti dei compagni di squadra, degli avversari, dei direttori di gara, degli organizzatori o degli spettatori. Il quarto principio si chiama “Attitudine al gioco prositiva e propositiva”, stabilisce che gli eSports possono aiutare i giocatori a rafforzare l’autostima e la propria cultura sportiva, portando anche alla nascita di solide relazioni di amicizia tra compagni di squadra, avversari e membri della comunità nel suo complesso.

L’articolo L’industria dei videogiochi presenta i principi universali degli eSports sembra essere il primo su eSports.



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: