Wi-Fi 6 è più veloce e più efficiente: tutto quello da sapere (aggiornato: programma di certificazione)

Wi-Fi 6 è più veloce e più efficiente: tutto quello da sapere (aggiornato: programma di certificazione)

Basta sigle difficili da capire e ricordare. Come vi avevamo già spiegato, d’ora in avanti le tecnologie del protocollo Wi-Fi avranno nomenclature molto più facili da capire. Wi-Fi 4, Wi-Fi 5 e Wi-Fi 6 i nomi scelti dalla Wi-Fi Alliance per le tecnologie che vanno dalla 802.11n del 2009, fino alla più recente 802.11ax, appunto la Wi-Fi 6.

Visto che durante il 2019 è previsto il lancio di molti dispositivi che integrano la versione più recente dell’onnipresente protocollo wireless, ed anzi ce ne sono già in commercio, vogliamo cogliere l’occasione per fare il punto su cosa ha da offrire questa tecnologia.

Aggiornamento16/09/2019

È già da diversi mesi che sono usciti i primi dispositivi Wi-Fi 6 ma solo in questi giorni, anche per via del lancio dei nuovi iPhone 11iPhone 11 Pro e iPhone 11 Pro Max (dotati appunto di Wi-Fi 6, la Wi-Fi Alliance ha lanciato il suo programma di certificazione ufficiale dedicato appunto al nuovo protocollo. Proprio il lancio del programma di certificazione dovrebbe aprire ufficialmente le porte alla diffusione del nuovo standard e all’arrivo di sempre più dispositivi dotati della certificazione. Per ulteriori dettagli sulla tecnologia vi rimandiamo al nostro approfondimento che trovate nei seguenti paragrafi.

Wi-Fi 4, Wi-Fi 5 e Wi-Fi 6

Partiamo riprendendo quanto vi abbiamo riportato lo scorso ottobre, ossia un breve sunto su cosa indicano le varie generazioni:

  • Wi-Fi 4: 802.11n (2009) – fino a 300 Mb/s (2,4 GHz e 5 GHz)
  • Wi-Fi 5: 802.11ac (2013) – fino a 3,5 Gb/s (5 GHz)
  • Wi-Fi 6: 802.11ax (2018) – fino a 9,6 Gb/s (2,4 GHz e 5 GHz)

In effetti rispetto alla vecchia nomenclatura, così è molto più facile capire quale tecnologia sia migliore di un’altra. Un bel vantaggio, soprattutto per gli utenti meno esperti. Tra l’altro per rendere il tutto ancora più chiaro sono stati realizzati loghi ed icone per confezioni ed immagini promozionali dei prodotti.

In verità anche le precedenti generazioni hanno il loro nome e sì avete indovinato, sono Wi-Fi 1 (802.11a), Wi-Fi 2 (802.11b) e Wi-Fi 3 (802.11g). Stiamo comunque parlando di tecnologie ormai obsolete.

I vantaggi del Wi-Fi 6

Nuove tecnologie portano ovviamente nuovi vantaggi; il primo e più importante del Wi-Fi 6 è sicuramente il fattore velocità. Con questo protocollo wireless, ammesso che lo integrino entrambi i dispositivi che si comunicano (es. smartphone e router), è possibile raggiungere bande fino ai 9.600 Mb/s, ossia 1,2 GB al secondo.

Una cifra che ben si sposa con la fibra più potente e gli ambienti con tanti dispositivi connessi. A tal proposito l’altro plus del Wi-Fi 6 è che è pensato per gestire le reti affollate in maniera molto più efficiente rispetto alle capacità del Wi-Fi 5 (standard al momento più diffuso).

Il tutto grazie all’implementazione, direttamente nel protocollo, di tecnologie come MU-MIMO (multiple-input and multiple-output, gestione migliorata della banda per ogni singolo dispositivo) e OFDMA (Orthogonal Frequency-Division Multiple Access, che riduce la latenza). Semplificando, usare tanti dispositivi sulla stessa rete Wi-Fi 6, anche per attività impegnative come streaming in 4K, download e gaming in contemporanea, non crea, o almeno non dovrebbe, problemi.

A tutto questo ci dovete aggiungere il fatto che il Wi-Fi 6 è anche ottimizzato per ridurre i consumi, grazie ad una gestione migliorata degli eventi che vanno a “svegliare” i dispositivi connessi.

Quali dispositivi hanno il Wi-Fi 6?

Ad oggi, inizio aprile 2019, sono pochissimi i dispositivi in commercio con supporto a questo nuovo protocollo. Il più noto è forse lo smartphone Samsung Galaxy S10/S10+. A settembre 2019 si aggiungono anche i nuovi iPhone 11. Avere un telefono o un PC con Wi-Fi 6 però non è sufficiente. Per sfruttare a pieno il protocollo si deve anche avere un router compatibile.

In tal senso la scelta è ancora poca e si tratta comunque di prodotti molto costosi. Ma non temete, siamo ancora agli inizi ed è ovvio che con l’andare del tempo i prezzi caleranno ed arriveranno anche soluzioni di fascia inferiore. Chi non ha bisogno del top per le sue connessioni senza fili, può serenamente aspettare qualche mese.

Per tutti gli altri ecco una lista di cosa si trova su Amazon con comparto rete capace di supportare il Wi-Fi 6.

 



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: