I migliori smartphone con display AMOLED del 2019

I migliori smartphone con display AMOLED del 2019

Sugli smartphone i display possono essere di diversi tipi, ma di solito si dividono in 2 categorie: display LCD (IPS o TFT di solito, Retina sugli iPhone) e display AMOLED (termine preceduto da Super negli schermi degli smartphone Samsung). I primi sono costituiti da una matrice di cristalli liquidi retroilluminati, mentre i secondi vantano una matrice attiva in cui ogni pixel è collegato singolarmente a un transistor e a un capacitor.

Gli schermi OLED sono composti da un materiale organico che emette luce semplicemente quando la corrente elettrica lo attraversa, cosa che non accade negli LCD che vengono illuminati. Gli schermi AMOLED sono quelli che vanno più di moda e piacciono agli utenti perchè tra le differenze offrono colori più accesi, neri più profondi rispetto a un pannello IPS e consumi più bassi della batteria nel confronto AMOLED vs IPS.

Questo vale specie se si usano sfondi neri. Sebbene abbiano dei difetti come ad esempio l’effetto burn in che dopo anni di utilizzo può lasciare elementi impressi, sono i display smartphone più costosi da produrre e sono considerati più di qualità. Quindi vi optano coloro che cercano il telefono cellulare col miglior display. I melafonini di Apple presentano ancora uno schermo LCD, quindi lo schermo iPhone non è l’alternativa preferita per chi cerca il miglior smartphone per display: si preferiscono quindi i migliori smartphone Android.

I Samsung Galaxy sono di solito gli smartphone AMOLED più venduti, sono loro che hanno portato al successo questa tecnologia in un mondo in cui dominavano i display IPS. Ma non sono gli unici ad avere schermi smartphone con questa tecnologia sotto il vetro frontale, ce ne sono anche molti altri. E vi diremo di più: oltre ai top di gamma ci sono anche smartphone economici e smartphone Android cinesi con prezzi sui 200 euro nelle offerte ad averla, sta tutto a individuare il migliore smartphone. Dopo avervi mostrato la top 5 migliori smartphone borderless, vi presentiamo i migliori smartphone con display AMOLED (2019).

Indice

Tabella comparativa

Ecco i 5 modelli più rilevanti che potete visualizzare tutti scorrendo orizzontalmente: per la selezione completa proseguite con la guida!

Samsung Galaxy S10+ Apple iPhone Xs Max Huawei Mate 20 Pro Samsung Galaxy Note 9 Xiaomi Mi 9T
Samsung Galaxy S10+ Smartphone, Display 6.4', 128 GB Espandibili, Dual SIM, Green [Versione Italiana] Apple iPhone XS Max (64GB) - Argento Huawei Mate 20 Pro (Twilight) più Cover Originale, Telefono con 128 GB, Display Oled 6.39' QHD+, Processore Octa Core dinamico con Intelligenza Artificiale [Versione Italiana] Samsung Galaxy Note9 Smartphone, Blu (Ocean Blue), Display 6.4', 128 GB Espandibili, Dual SIM [Versione Italiana] Xiaomi Mi 9T Smartphone da 6.39' FHD, Snapdragon 730, 6GB di RAM, 64GB, doppia fotocamera 48MP+20MP, batteria 4000 mAh e ricarica rapida 18W, Carbon Black [Versione Italiana]
Il miglior display La seconda scelta Il bilanciato Top per i produttivi Il più economico
Display: 6,4″ Dynamic AMOLED 1440 x 3040p (Quad HD+) Display: 6,5″ Super AMOLED 1242 x 2688p (Quad HD+) Display: 6,39″ AMOLED 1440 x 3120p (Quad HD+) Display: 6,4″ Super AMOLED 1440 x 2960p (Quad HD+) Display: 6.39″ Super AMOLED 1080 x 2340p (Full HD+)
CPU: Exynos 9820 octa-core 2,7 GHz CPU: Apple A12 Bionic esa-core 2,5 GHz CPU: HiSilicon Kirin 980 octa-core 2,6 GHz CPU: Samsung Exynos 9810 octa-core 2,7 GHz CPU: Qualcomm Snapdragon 730 octa-core 2.2 GHz
Memorie: 8 GB RAM, 128/512 GB – 12 GB RAM, 1 TB – slot micro SD Memorie: 4 GB RAM, 64/256/512 GB Memorie: 6 GB RAM, 128 GB – 8 GB RAM, 256 GB – slot NM card Memorie: 6 GB RAM, 128 GB – 8 GB RAM, 512 GB – slot micro SD Memorie: 6 GB RAM, 64 GB – 6 GB RAM, 128 GB
Software: Android 9 Pie, One UI Software: iOS 12 Software: Android 9 Pie, EMUI 9 Software: Android 8.1 Oreo, Samsung Experience Software: Android 9 Pie, MIUI
Fotocamera: tripla da 12, 12 e 16 MP, f/1.5-2.4, f/2.4 e f/2.2
Doppia da 10 e 8 MP f/1.9 e f/2.2 frontale
Fotocamera: doppia da 12 + 12 MP f/1.8 e f/2.4
7 MP f/2.2 frontale
Fotocamera: tripla da 40, 20 e 8 MP, f/1.8, f/2.2 e f/2.4
24 MP f/2.0 frontale
Fotocamera: doppia da 12 e 12 MP, f/1.5-2.4 e f/2.4
8 MP f/1.7 frontale
Fotocamera: tripla da 48 + 8 + 13 MP f/1.8, f/2.4 e f/2.4
20 MP f/2.2 frontale
Batteria: 4100 mAh con ricarica rapida e wireless Batteria: 3174 mAh con ricarica rapida e wireless Batteria: 4200 mAh con ricarica rapida e wireless Batteria: 4000 mAh con ricarica rapida e wireless Batteria: 4000 mAh
Caratteristiche aggiuntive: altoparlanti stereo, S Pen, impermeabilità, scanner dell’iride, ricarica wireless inversa Caratteristiche aggiuntive: impermeabile, altoparlanti stereo, 3D Touch, Face ID Caratteristiche aggiuntive: impermeabilità, altoparlanti stereo, ricarica wireless inversa Caratteristiche aggiuntive: impermeabilità, S Pen, altoparlanti stereo /

LCD o AMOLED? Le differenze

I display AMOLED sono quelli che vanno più in voga, ma sono davvero quelli migliori? In realtà dipende dai parametri che si vanno a valutare: fra questo tipo di schermo e il classico monitor LCD ci sono varie differenze sia in meglio che in peggio.

Andiamo a vederle quindi, escludendo gli aspetti tecnici descritti a inizio guida in cui vi abbiamo spiegato come funziona ciascun tipo di display. Prima di tutto il dettaglio rimane lo stesso, mentre cambia il modo in cui vengono riprodotti i colori. Sugli LCD (almeno sugli schermi LCD IPS che sono quelli di qualità maggiore rispetto ai TFT che invece vengono impiegati negli smartphone di fascia bassa) le tonalità dei colori sono più fedeli.

Sui display AMOLED abbiamo invece colori più brillanti e “sparati”, che sono quindi più esplosivi (e quindi più gradevoli) ma meno fedeli; in compenso però i neri sono più profondi. Una differenza in positivo dei display AMOLED sta invece nei consumi: sono molto più amici della batteria rispetto agli LCD. Solitamente gli LCD sono più reperibili e generalmente gli smartphone che li montano si trovano a prezzi minori e in quantità maggiori.

Display AMOLED: pro e contro

Ci sono dei vantaggi e degli svantaggi quando si sceglie di acquistare uno smartphone con display AMOLED. Tra i punti a favore abbiamo la vividezza dei colori, che sembrano quasi uscire fuori dallo schermo tanto sono accesi. Allo stesso tempo, abbiamo dei neri profondissimi, praticamente assoluti, perchè il nero è riprodotto con pixel del tutto spenti, quindi non poteva essere più naturale.

Poi abbiamo il vantaggio dei consumi, proprio perchè i pixel spenti non consumano nulla, quindi la batteria dura di più. Per questo sui display AMOLED vengono spesso implementate le modalità Always On, che permettono di vedere ora, notifiche e altri elementi anche a schermo spento mentre lo smartphone è in standby, consumando poco e niente. Un contro dei display AMOLED può essere invece la minore fedeltà dei colori rispetto agli LCD come vi abbiamo già detto nel confronto sopra.

Ma il più grande problema degli schermi di questo tipo è l’effetto burn-in. In pratica dopo anni di utilizzo alcuni elementi delle immagini potrebbero rimanere impressi in modo permanente: ciò non rende inutilizzabili gli schermi ma può comunque dare fastidio in quanto non sono più del tutto limpidi. Questo è però un problema che si verifica spesso solo dopo tantissimo tempo, molte volte quando si è già arrivati a cambiare smartphone.

Come valutare uno schermo

Quali sono i parametri su cui porre attenzione quando si procede all’acquisto di uno smartphone di un display AMOLED? Tutti quelli che si devono valutare per qualsiasi altro tipo di schermo, e li trovate di seguito.

  • Diagonale: indica la dimensione dello schermo, e si misura in pollici. Più sono i pollici e più il display AMOLED è comodo da vedere, ma allo stesso momento lo smartphone diventa più grande e ingombrante. Fino a 5 pollici di solito si parla di smartphone compatti, mentre se superano i 5,2 pollici si inizia già a parlare di phablet. La grandezza più gettonata è 5,5 pollici nel caso di schermi normali in 16:9 e 6 pollici per quelli senza bordi. I dispositivi compatti invece sono rimasti in piccola misura perchè la gente punta sempre più a schermi grandi dato che spesso sostituisce anche i PC con i cellulari.
  • Risoluzione: è il livello di dettaglio garantito da un display AMOLED. Le risoluzioni presenti in maggior misura nel commercio al momento sono HD (720 x 1280 pixel), Full HD (1080 x 1920/2160 pixel) e Quad HD (1440 x 2560/2280/2960 pixel). Eccezionalmente su smartphone ultra economici troviamo risoluzioni inferiori all’HD, mentre su alcuni top di gamma il 4K (3840 x 2160), considerata inutile perchè in schermi così piccoli è pressochè impossibile distinguere tutti quei pixel. Più la risoluzione è alta, più la definizione e la nitidezza delle immagini aumentano, mentre con risoluzioni più basse diminuiscono i consumi del display AMOLED.
  • Colori: la fedeltà cromatica è un parametro importante di un display AMOLED, specie perchè spesso sono meno fedeli degli LCD. Ci sono però dei pannelli di questo tipo che hanno tecnologie le quali migliorano di molto i colori rendendoli fedeli cromaticamente. Tra queste citiamo l’HDR e la DCI-P3, che se presenti nella scheda tecnica sono sinonimo di colori migliori.
  • Luminosità: spesso misurata in nits, è importante per la visibilità del display AMOLED quando c’è troppa luce intorno a noi, come ad esempio quando siamo sotto il Sole. L’oleofobicità è un altro fattore che insieme alla luminosità determina la visibilità, ed è la tendenza dello schermo a non trattenere le impronte e altri tipi di macchie.
  • Angoli di visione: gli schermi possono presentare alterazioni quando vengono guardati da angolazioni diverse da quella frontale o perpendicolare, come ad esempio perdita di visibilità o distorsione dei colori che virano su altre tonalità. Con angoli di visione ampi si ovvia a questi problemi. I display AMOLED e IPS LCD sono molto efficienti in questo senso.
  • Possibilità di calibrazione: molti produttori inseriscono nel software delle opzioni avanzate per tarare i colori dei display, la risoluzione e altro. A seconda della casa produttrice, la quantità di questo tipo di opzioni varia. Per esempio nel caso di Samsung, Huawei e Asus ci sono molte impostazioni di questo tipo.

Meglio uno schermo 16:9 o 18:9 borderless?

I display AMOLED si possono categorizzare anche a seconda del loro formato. Se ne possono trovare in formato 16:9 oppure 18:9, e quando sono in quest’ultimo formato di solito sono anche borderless, ossia con bordi molto sottili intorno allo schermo per ridurre le dimensioni generali del telefono. Il vantaggio dei 16:9, ossia gli schermi tradizionali, è la compatibilità completa con qualsiasi file mutlimediale.

I display AMOLED 18:9 invece possono presentare spesso bande nere ai lati durante la visione dei contenuti multimediali (immagini e video) in landscape. Ma da un altro lato i display AMOLED in diciotto noni si estendono più in altezza e quindi rendono gli smartphone più stretti e maneggevoli, danno modo di eliminare i bordi e anche di sfruttare di più il multi tasking con l’apertura di 2 app nella stessa schermata e la possibilità di fruirne in modo più comodo.

Smartphone economici con display AMOLED

Samsung Galaxy A70

samsung galaxy a70

Gli smartphone economici di Samsung si sono sempre distinti per i loro display AMOLED non solo perchè sono stati tra i primi a montarli nella loro categoria, ma anche perchè hanno mantenuto eccellenti standard qualitativi nel tempo. Il Galaxy A70 ha uno schermo abbastanza atipico rispetto ai suoi concorrenti in quanto vanta un formato cinematico 20:9: si estende quindi molto in altezza risultando ottimo per vedere contenuti multimediali e anche comodo da tenere in mano.

Il pannello è ovviamente un display AMOLED, con diagonale di ben 6,7 pollici e risoluzione Full HD+. Integra anche un lettore di impronte e la protezione Gorilla Glass 3. E’ uno schermo luminosissimo. Altro pregio non da poco è l’enorme batteria da 4500 mAh la cui autonomia può arrivare a ben 2 giorni anche con un uso impegnato.

Alimentato dal processore Snapdragon 675 abbinato a 6 GB di RAM, è perfino velocissimo nella maggior parte degli scenari, con performance di fascia medio-alta e tanta memoria a disposizione (128 GB espandibile fino a 1 TB). A chiudere il quadro c’è una tripla fotocamera stellare da 32, 8 e 5 MP, con apertura f/1.7, sensore grandangolare e di profondità.

Eccezionali le foto con poca luce, molto utile il grandangolo e stupefacente anche l’obiettivo per i selfie che conta ben 32 Megapixel. Il tutto ad un prezzo estremamente concorrenziale che non da modo di rimpiangere gli smartphone cinesi in alcun aspetto.

Ecco il link per l’acquisto tramite Amazon:

Xiaomi Mi 9T

Redmi K20 Pro

Lanciato in Cina sotto il nome di Redmi K20, Xiaomi Mi 9T è una variante depotenziata del Mi 9 che rappresenta uno degli smartphone di fascia medio-alta con il prezzo più irrisorio al mondo. E’ uno dei pochi dispositivi non top di gamma di ultima generazione ad avere un display AMOLED con tecnologia HDR, che si occupa di migliorare la riproduzione del colore per valorizzare ogni singolo pixel.

Lo schermo è borderless ma non ha notch, grazie alla fotocamera pop-up da 20 MP che si estrae con un meccanismo motorizzato. Il display è da 6,39 pollici con risoluzione Full HD+ e sensore biometrico integrato. Come abbiamo anticipato Xiaomi Mi 9T non è un top di gamma, ma ci manca pochissimo. Ha infatti il potente chipset Snapdragon 730 che è il meglio di Qualcomm per quanto riguarda la fascia medio-alta, ed ha anche una RAM da  6 GB.

Per di più abbiamo un comparto fotografico molto simile a quello del Mi 9, con sensore principale da 48 MP f/1.8, grandangolare da 13 MP e teleobiettivo da 8 MP con zoom ottico. La definizione delle foto lascia a bocca aperta.

Ciliegina sulla torta è la batteria ben oltre la media con 4000 mAh in grado di durare tranquillamente più di una giornata di utilizzo stressato. Il prezzo di lancio ha stupito chiunque: soli 299 euro in promozione che sono poi aumentati a soli 329 euro. Per un vero camera phone con una grande batteria e un processore da paura è davvero un prezzo ridicolo.

LG G7 ThinQ

display amoled lg

Vedendo  quanto costa poco vi stupirete delle potenzialità del display AMOLED di LG G7 ThinQ. Pochi  riescono ad eguagliare la combinazione esplosiva tra la sua riproduzione cromatica e il suo dettaglio. Con una diagonale di 6,1 pollici, visualizza le immagini a una risoluzione Quad HD+ di 1440 x 3120 pixel che è tra le più alte. Perlopiù è conforme agli standard HDR10 e Dolby Vision, quindi nei film ha una resa eccellente, e supporta il 100% di gamma DCI-P3.

Non gli manca nemmeno nulla, nemmeno una forte protezione per il vetro e per l’intera scocca. Nonostante costi poco è infatti protetto dalla certificazione militare, dall’impermeabilità e perfino da Gorilla Glass 5. Alimentato dal SoC Snapdragon 845 abbinato ad almeno 4 GB di RAM, anche come performance non delude mai, è adatto al gaming e alla produttività, è velocissimo e non ha impuntamenti.

Il retro ospita una doppia fotocamera grandangolare da 16 MP con stabilizzatore ottico e autofocus laser dalla resa molto buona. Oltre al display AMOLED eccellente ha anche un suono eccellente. La batteria è nella media con 3000 mAh e supporta la ricarica wireless. E’ uno degli smartphone meno costosi a montare un display AMOLED con tutti i parametri top di gamma.

Questo è il link per l’acquisto tramite Amazon:

Offerta


LG LMG710EM 6.1' SIM singola 4G 4GB 64GB 3000mAh Nero
97 Recensioni

Huawei Mate 10 Pro

smartphone gaming huawei

Tra gli smartphone economici con display AMOLED vogliamo proporvi anche un ex top di gamma, ossia un cellulare che era un modello di punta nella vecchia generazione e che adesso è calato di prezzo fino ad arrivare ai midrange. Ve lo consigliamo perchè lo schermo OLED di questo dispositivo è conforme allo standard HDR10, e quindi vanta una resa cromatica spettacolare.

Ha anche un’ampia diagonale di 6 pollici con rapporto 18:9, per cui è molto ampio e comodo. La risoluzione è Full HD+ ed il vetro è resistente grazie alla protezione di Gorilla Glass. Sebbene abbia un prezzo da midrange, Huawei Mate 10 Pro ha tutt’ora una fotocamera considerabile di fascia alta, con sensore principale da 12 MP f/1.7 e monocromatico da 20 MP. A differenza di quasi tutti i midrange troviamo stabilizzatore ottico e autofocus laser.

Per cui le foto sono strabilianti, specie nel dettaglio e nella nitidezza, anche con poca luce. Molto interessante la presenza dell’impermeabilità (IP67) e di una batteria da ben 4000 mAh con cui riesce praticamente sempre a finire la giornata. In soli 30 minuti questa batteria arriva a 58% di carica grazie alla sua tecnologia di ricarica rapida. A bordo anche dei potenti speaker stereo che valorizzano ulteriormente l’esperienza multimediale uniti al display AMOLED.

Scopri la migliore offerta Amazon cliccando sul seguente link:

Attualmente non disponibile. Puoi cercare qui altre offerte.

Migliori smartphone di fascia alta con display AMOLED

Xiaomi Mi 9

display amoled xiaomi

Parlando di rapporto qualità prezzo Xiaomi si è davvero superata lanciando sul mercato il Mi 9. L’azienda ha infatti lanciato un dispositivo con il top dell’hardware ad un prezzo da fascia media e questo gli ha fatto guadagnare il titolo di best-seller già dai primi giorni. Il Mi 9 è infatti alimentato dal processore più potente e veloce di tutti nella generazione 2019: lo Snapdragon 855 di Qualcomm che milita sotto la scocca assieme a 6 GB di RAM nella versione base.

Grazie a questo SoC Xiaomi Mi 9 può essere usato come smartphone da gaming, lavoro e per il multi-tasking più avanzato. Come se non bastasse ha un ottimo display AMOLED da 6,39 pollici. Uno schermo che è sì Full HD+, ma ha una riproduzione cromatica di altissimo livello grazie allo standard HDR10 e alla copertura DCI-P3.

Figura anche tra i migliori cellulari in assoluto per ciò che riguarda le prestazioni fotografiche: sul retro ha infatti una stupefacente tripla fotocamera da 48, 16 e 12 Megapixel inclusiva di sensore grandangolare e teleobiettivo per lo zoom ottico, con autofocus laser.

Per cui riesce a scattare con una definizione stratosferica e poco rumore digitale anche in penombra. Realizzato con un retro in vetro dalle colorazioni a sfumatura e riflettenti, questo dispositivo supporta la ricarica wireless, ha un lettore di impronte digitali in-display e ha una batteria pienamente nella media con capacità di 3300 mAh.

Al seguente link potete acquistarlo tramite Amazon:

Samsung Galaxy S10e

Samsung ha ribattezzato i suoi pannelli da Super AMOLED a Dynamic AMOLED e vi assicuriamo che non è stata solo una mossa di marketing. Il Galaxy S10e ha infatti una riproduzione dei colori pazzesca, non a caso è conforme allo standard HDR10+ e di meglio non c’è per massimizzare la resa dell’immagine nella visione dei contenuti multimediali.

Lo schermo è quasi del tutto senza bordi ed ha un foro al suo interno che contiene una stupefacente fotocamera frontale da 10 MP f/1.9 che può registrare video in 4K. Il display AMOLED è da soli 5,8 pollici, quindi molto compatto ma allo stesso tempo dalla resa incredibile. La risoluzione è invece Full HD+, un passo indietro rispetto a S10 e S10+ per stringere sul prezzo. In compenso c’è la solida protezione Gorilla Glass 5.

Per il resto, pur trattandosi di una versione economica della serie S10, è ugualmente prestante perchè ha lo stesso processore Exynos 9820 e fino a 8 GB di RAM, con memoria interna fino a 256 GB e slot micro SD. Davvero strabiliante anche la doppia fotocamera posteriore con apertura variabile e grandangolo, tra le migliori sui camera phone. La batteria è l’unico punto a sfavore con i suoi soli 3100 mAh, ma sono ottimizzati decentemente e possono anche ricaricare altri dispositivi con la ricarica wireless inversa che trasforma S10e in un power bank.

Vi lasciamo il link per l’acquisto direttamente da Amazon:

Samsung Galaxy S9+

display amoled

La corona di display AMOLED migliore al mondo va a quello di Samsung Galaxy S9 Plus, il miglior top di gamma del produttore che è stato praticamente il pioniere degli schermi Super AMOLED. Oltre ad essere perfetto, questo schermo è perfino innovativo.

E’ un display borderless che copre quasi tutto il pannello frontale ed è anche uno schermo curvo. E’ l’unico con il formato 18,5:9 ed ha una risoluzione Quad HD+ di 2960 x 1440 pixel. Inoltre è corredato della tecnologia HDR 10 delle migliori TV, grazie alla quale riesce a dare colori ricchissimi e completi in ogni tonalità. I neri sono assoluti, il dettaglio è eccezionale, la luminosità è accecante e gli angoli di visione completi.

E’ uno schermo che può praticamente essere preso come unità di misura. Inoltre grazie al design eccezionale le dimensioni restano contenute nonostante lo schermo AMOLED sia addirittura da 6,2 pollici, uno dei più ampi. Per darvi un’idea, è solo leggermente più alto di Apple iPhone 8 Plus ma è molto più stretto.

Non potevano mancare materiali premium, vetro per il retro mentre il frame è in metallo, assemblato tutto impeccabilmente e solidamente, con tanto di protezione Gorilla Glass 5. L’hardware è praticamente il più potente che esiste ad ora, grazie a un processore octa core Samsung Exynos 9810 da 2,8 Ghz affiancato a 4 GB di memoria RAM e 64 GB di storage che si espande ulteriormente tramite micro SD. Da ciò deriva che le performance sono stupefacenti, Android non ha ancora le risorse necessarie per mettere in difficoltà questo smartphone.

Grazie ad un accessorio aggiuntivo di nome Samsung DeX, questo terminale si trasforma anche in PC collegandosi a monitor tastiera e mouse: l’interfaccia di Android si tramuta in finestre stile Windows 10. Nel software c’è anche un intelligentissimo assistente virtuale di nome Bixby con funzioni molto avanzate.

La fotocamera doppia è da 12 Megapixel ed è un sensore spettacolare con apertura variabile: rispetto a S8+ è sensibilmente migliorato a livello hardware e software per scattare foto perfette. Lo scatto è rapidissimo e preciso, con tantissimo dettaglio anche in penombra. Per concludere la batteria da 3500 mAh non presenta nessun problema nel concludere la giornata anche intensiva di utilizzo.

Ecco il link per acquistarlo direttamente da Amazon:


Miglior smartphone con display AMOLED in assoluto: Samsung Galaxy S10+

display amoled samsung

La serie Samsung Galaxy S10, di cui S10 Plus rappresenta il modello avanzato, segna il debutto di un nuovo tipo di display AMOLED prodotto dal colosso sudcoreano: lo schermo Dynamic AMOLED, naturale successore (dopo anni e anni, finalmente ce n’è uno) del SuperAMOLED. Al suo arrivo sul mercato è il miglior schermo che si sia mai visto.

Caratterizzato dalla risoluzione Quad HD+ e dalla compatibilità con la tecnologia HDR, ha la riproduzione dei colori più accurata della sua generazione, la più alta luminosità in assoluto con oltre 1200 nit ed anche bordi sottilissimi grazie alla doppia fotocamera frontale integrata nel display AMOLED che può registrare in 4K e che non ha rivali in ambito selfie.

Anche la tripla fotocamera posteriore da 12, 12 e 16 MP con sensore grandangolare e teleobiettivo è tra le migliori di tutte e si caratterizza per un adattamento perfetto a ogni situazione di luce, uno zoom eccezionale e assenza di rumore digitali in gran parte degli scenari.

Il device è impermeabile e si caratterizza per un’eccellente qualità costruttiva. Ha anche un’enorme batteria da 4100 mAh quindi l’autonomia non è affatto un suo problema perchè dura tantissimo, oltre un giorno a uso intensivo. Può essere usato come power bank con la ricarica wireless inversa ed ha anche la ricarica rapida.

Si può trasformare in PC ed ha un comparto hardware formato dal processore Exynos 9820 (al livello di Snapdragon 855) fino a 12 GB di RAM e fino a 1 TB di memoria interna. Rappresenta il fiore all’occhiello in termini di performance. Interessante ausilio per il display AMOLED durante la visione di contenuti video sono gli speaker stereo AKG potenti e cristallini.

Ecco il link per acquistarlo direttamente da Amazon:

Apple iPhone Xs Max

smartphone display amoled

Apple iPhone Xs Max è il più potente melafonino dell’azienda di Cupertino fondata da Steve Jobs, secondo DisplayMate ha il miglior schermo di sempre e per la seconda volta nella storia degli smartphone Apple ci troviamo di fronte a un pannello AMOLED, prodotto da Samsung. Ha una notch, ossia un’interruzione sulla parte superiore per ospitare i sensori pur mantenendo bordi quasi inesistenti su tutti e 4 i lati, ma ormai anche gran parte della concorrenza realizza smartphone con notch.

Il pannello del melafonino ha una dimensione di ben 6,5 pollici e una risoluzione 2K di 2688 x 1242 pixel. Con la sua tecnologia HDR10 questo display AMOLED ha i colori più fedeli in assoluto cromaticamente (impossibile distinguerli dalla perfezione), e grazie alla tecnologia TrueTone riesce anche ad adattarli in base alle condizioni di luce ambientale per farli risultare sempre perfetti.

C’è anche il 3D Touch con cui il display AMOLED riconosce l’intensità della pressione del tocco per  sbloccare opzioni veloci nell’interfaccia utente. Questo dispositivo è anche lo smartphone più prestante in assoluto con il suo processore Apple A12 Bionic esa core, i suoi 4 GB di RAM e il sistema operativo iOS ottimizzato molto meglio di Android. Lo si può scegliere in 3 tagli di storage: 64, 256 e 512 GB.

Ha un design iconico in vetro e acciaio inossidabile, resistentissimo e anche impermeabile (IP68 per immersioni prolungate). Ha per finire una delle migliori fotocamere (doppia da 12 MP con entrambi i sensori dotati di OIS, con apertura f/1.8 e zoom ottico) che realizza scatti dettagliati e pieni di naturalezza dei colori, e una batteria da 3174 mAh, la più grande mai vista su uno smartphone Apple, che con tutti gli usi finisce la giornata con un po’ di carica residua.

Vedi la migliore offerta su Amazon cliccando il seguente link:

Offerta


Apple iPhone XS Max (256GB) - Grigio siderale
63 Recensioni

Samsung Galaxy Note 9

smartphone display amoled

Se volete il display più avanzato e adatto a qualsiasi cosa, che unisca la comodità di utilizzo a un’esperienza visiva celestiale, allora vi consigliamo di acquistare Samsung Galaxy Note 9: non ve ne pentirete. Il suo pannello frontale dai bordi molto sottili contiene uno schermo curvo da ben 6,4 pollici, con la tecnologia SuperAMOLED, una risoluzione Quad HD+ di 1440 x 2960 pixel, il formato 18,5:9 e anche la tecnologia HDR.

Questo display AMOLED ha una luminosità che dirla accecante è un eufemismo, colori brillanti e allo stesso tempo realistici, dettaglio impressionante e angoli di visione totali. Fa parte inoltre dell’unica serie di smartphone il cui display AMOLED contiene un digitalizzatore attivo. Che vuol dire? Che su questo display AMOLED si può scrivere e disegnare a mano, tramite la S Pen inclusa nella confezione.

Quest’anno il pennino ha il Bluetooth e può controllare lo smartphone da remoto. Inoltre, per connettere lo smartphone a un monitor esterno e farlo diventare un PC grazie a DeX, non è più necessaria una dock ma basta un semplice cavo. Essendo un device borderless non spaventatevi per i suoi 6,4″: non è affatto grande quanto un tablet. Le altre specifiche includono un design in vetro e metallo con impermeabilità.

Come prestazioni siamo nella fascia più elitaria grazie a un SoC Samsung Exynos 9810 (lo stesso di Galaxy S9), 6 GB di RAM e 128 GB di memoria espandibile (esiste anche una versione 8/512 GB). C’è anche una doppia fotocamera tra le migliori al mondo coi suoi 12 MP e performance spettacolari in scarse condizioni di luce, grazie anche all’apertura variabile. La batteria coi suoi 4000 mAh è la più grande implementata in un dispositivo Samsung e arriva sempre dopo cena con carica residua.

Scopri la migliore offerta su Amazon cliccando il seguente link:

Huawei Mate 20 Pro

display amoled huawei

Tolto Samsung Galaxy Note 9 rimane un solo vero re dei phablet Android: Huawei Mate 20 Pro. I suoi 6,39 pollici di schermo sono qualcosa di sorprendente che mai si era visto su uno smartphone cinese. Ha infatti una pazzesca risoluzione QHD+ di 3120 x 1440 pixel ed è anche un pannello di tipo AMOLED, i cui colori sono esplosivi a dir poco.

C’è anche un lettore di impronte digitali integrato nel display, e se non bastasse anche il riconoscimento facciale 3D per massimizzare sicurezza e rapidità di sblocco. Un phablet che, pur avendo un processore proprietario (Kirin 980) non fa nessun passo indietro nemmeno a livello prestazionale. Il processore con processo produttivo a 7 nm è affiancato da 8 GB di RAM nella versione più  potente e non ha nessuna esitazione facendolo risultare uno degli smartphone più performanti al mondo.

Huawei Mate 20 Pro e il suo display AMOLED sono degni di essere chiamati top-end anche per la batteria stratosferica da 4200 mAh, dato che mai si era vista una capacità così alta su un vero top di gamma last-gen. E infatti 2 giorni di utilizzo moderato li potete fare tranquillamente.

A completare il tutto c’è l’impermeabilità, bellissime colorazioni a sfumatura e la tripla fotocamera più stupefacente del mondo all’uscita, con risoluzioni di 40, 20 e 8 Megapixel. L’unico svantaggio è il prezzo: è infatti insieme al Galaxy Note 9 lo smartphone Android più costoso di listino. Ma merita davvero molto e in Cina ha ben pochi rivali.

OnePlus 7 Pro

OnePlus 7 Pro

Solamente i migliori smartphone di Samsung e gli iPhone possono competere con il display AMOLED di OnePlus 7 Pro. Uno schermo che rasenta la perfezione sia per quanto riguarda il dettaglio che per la riproduzione dei colori. La tecnologia HDR10+ e la copertura DCI-P3 sono perfette per garantire colori fedelissimi e per la visione dei contenuti multimediali con la massima resa cromatica.

In più abbiamo anche la frequenza di aggiornamento a 90 Hz, perfetta per i videogiocatori. Come se non bastasse, la risoluzione Quad HD+ si occupa di massimizzare il livello di dettaglio! Non ci sono  praticamente punti deboli in questo display AMOLED. Per giunta ha anche bordi sottilissimi grazie alla fotocamera pop-up. A un display AMOLED eccezionale si accompagna un arsenale hardware da numeri uno, formato da CPU Snapdragon 855, RAM fino a 12 GB e memoria fino a 256 GB di tipo UFS 3.0, quindi estremamente veloce.

Ciliegine sulla torta sono una tripla fotocamera dalle performance fotografiche strabilianti (48 MP f/1.6 con zoom ottico 3x e grandangolo) e una batteria abbondantemente sopra la media da ben 4000 mAh con ricarica super rapida. Il prezzo è il suo unico punto debole dato che di listino parte da 700 euro.

Scopri la migliore offerta Amazon cliccando il seguente collegamento:

Sony Xperia 1

A parte le cornici abbastanza spesse (dettaglio meramente estetico) non abbiamo trovato nessun difetto nello schermo di Sony Xperia 1: è il display AMOLED perfetto. Un pannello OLED prodotto da Sony stessa che ha attinto alla tecnologia delle celebri TV Bravia per garantire la miglior resa in assoluto. Lo schermo è da 6,5 pollici ed è il primo OLED ad avere una risoluzione 4K, per cui non esiste schermo più dettagliato.

Supporta lo standard HDR BT.2020 proprio come le TV, ha una copertura DCI-P3 del 100%, l’X-Reality Engine e la tecnologia Triluminos. E’ quindi tra i display AMOLED con i colori più fedeli e tra i più luminosi al mondo. Ma lo schermo non è tutto: non scenderete a compromessi con le performance perchè a bordo troverete un chipset Snapdragon 855 e 6 GB di RAM, un arsenale al top che con le grandi ottimizzazioni di Sony provvede ad una velocità supersonica e una fluidità perenne con qualsiasi app o gioco.

La tripla fotocamera da 12 MP con OIS, zoom  ottico e grandangolo ha ben poche rivali sull’intero mercato, funziona in modo egregio con poca luce, registra video ineguagliabili ed è supportata da un’app ricca di comandi avanzati. Lo smartphone è impermeabile, protetto dall’indistruttibile Gorilla Glass 6 ed ha una batteria da 3300 mAh sempre oltre la sufficienza nonostante il display con risoluzione 4K consumi moltissimo.

Ecco il link all’acquisto direttamente da Amazon:



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: