PUBG Mobile, ricavi alle stelle: 146 milioni di dollari in un solo mese

PUBG Mobile è uno dei giochi mobile di maggior successo: dopo aver superato lo scorso ottobre 100 milioni di installazioni solo su Android, pare che il titolo sia anche diventato quello in grado di generare il maggior volume di ricavi, perlomeno stando a quanto suggerito da un analista del Financial Times.

Secondo le stime, PUBG Mobile è riuscito a portare nelle casse della società ben 146 milioni di dollari nel corso dell’ultimo mese, grazie alla vendita di skin e oggetti presenti nello store del gioco. I ricavi tengono conto anche di quelli provenienti da Game for Peace, ovvero il rebrand cinese di PUBG imposto dalle autorità locali, in quanto il gioco originale risultava essere troppo violento e poco patriottico per gli standard nazionali.

L’aspetto interessante della vicenda riguarda il volume di ricavi generato da PUBG e GFP rispettivamente: il primo ha contribuito per 76 milioni di dollari, mentre il secondo per 70 milioni. Questo ci permette di capire quanto sia importante il mercato cinese, dal momento che quasi la metà dei ricavi globali sono dovuti alla versione asiatica. Le principali differenze tra le due risiedono principalmente nel livello di violenza: dopo aver eliminato un avversario su GFP, ad esempio, questo abbandonerà il campo di battaglia salutandovi amichevolmente, mentre su PUBG la sua morte è molto più realistica. Ecco un esempio:

Video incorporato

Svend Joscelyne @ E3 2019@SvendJoscelyne

They changed PUBG Mobile in China to comply with stricter game violence laws. Now when you ‘kill’ someone they give you a loot box and wave goodbye and honestly it’s just so hilariously wholesome

12.200 utenti ne stanno parlando
Gli analisti temevano che Tencent potesse essere colpita duramente dalle politiche locali, tuttavia sembra che la società sia riuscita ad effettuare la transizione da un titolo all’altro senza alcuna perdita, e i ricavi sono lì a dimostrarlo.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: