I professionisti degli eSports sono sempre meno “cyber” e più “atleti”

Le differenze tra lo sport “reale” e quello “virtuale” si fanno sempre più sottili. Sempre più aziende impegnate negli eSports, infatti, affiancano ai propri professionisti dei programmi medici pensati per gli atleti tradizionali. Per garantire loro una perfetta forma psico-fisica e una carriera più duratura.
Smite Paladins

Skillshot Media è una società satellite di Hi-Rez, lo studio responsabile di Smite e Paladins.

MEDICINA SPORTIVA – In queste ore, infatti, è trapelata la notizia che Skillshot Media, una società specializzata nella produzione di eventi eSports, ha stretto un accordo con il Northside Hospital Sports Medicine Network di Atlanta, in Georgia. L’obiettivo è quello di creare un programma medico compatibile con le necessità degli atleti del gaming. In questo modo non si cercherà semplicemente di prevenire e curare gli infortuni che sempre più spesso affliggono i giocatori professionisti, ma si proverà a creare un piano che preveda anche il benessere psico-fisico. Similmente a quanto accade negli sport tradizionali, i medici redigeranno dei programmi specifici per ogni atleta, in modo da regolare il suo apporto nutrizionale durante la giornata, ma anche organizzare i carichi di lavoro, che devono contemplare esercizi fisici ma anche periodi di riposo. Questo non solo per avere le migliori prestazioni possibili durante i vari eventi, ma anche per prolungare la carriera di questi professionisti.
SMITE, PALADINS E NBA 2K – Skillshot Media è una società satellite di Hi-Rez, lo sviluppatore di Smite e Paladins. Per questo motivo saranno questi due giochi i primi a beneficiare dell’accordo stretto con il Northside Hospital. Altre realtà, comunque, si stanno muovendo nella stessa direzione. Il team dei Magic Gaming, la franchigia di NBA 2K che fa capo al team NBA degli Orlando Magic, ha annunciato di aver siglato un accordo simile con il network di cliniche Orlando Health.
Cyber Atleti

Sean “seang@res” Gares, un professionista di Counter-Strike: Global Offensive, è lontano dallo stereotipo del cyber-atleta.

SALUTE – Queste iniziative indicano una tendenza molto positiva nell’ambito degli eSports. Non solo molte discipline stanno cercando di stabilizzare la propria base di professionisti, dando loro il supporto necessario per rendere il più gratificante possibile la loro posizione, ma si sta anche abbattendo il preconcetto che si ha di queste persone. Non si tratta più di “nerd” che passano tutto il tempo davanti al computer, ma di veri e propri atleti professionisti, fisicamente e mentalmente preparati per competere ai massimi livelli. Non importa che lo facciano inseguendo un pallone o con mouse e tastiera.

L’articolo I professionisti degli eSports sono sempre meno “cyber” e più “atleti” sembra essere il primo su eSports.


Source: E-sports

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: