Samsung anticipa i tempi, Galaxy Note 8 si aggiornerà ad Android Pie a febbraio 2019 e a marzo sarà la volta dell’S8

Android Pie è ormai sul mercato da diversi mesi e molti produttori di smartphone hanno adeguato i propri dispositivi o stanno procedendo in questi mesi all’aggiornamento. Tra questi un posto d’onore spetta ai sudcoreani di Samsung che, data l’incredibile mole di dispositivi sparsi in tutto il mondo, terminerà l’aggiornamento dei propri smartphone in un anno circa.

I prossimi della lista sono il Galaxy S9 e l’S9 Plus che dovrebbero aggiornarsi durante il mese in corso con non pochi problemi. Nelle ultime ore, l’azienda si è fatta risentire in merito agli aggiornamenti e ha tenuto a ribadire, in particolare, che il Galaxy Note 8 si aggiornerà a febbraio mentre a marzo toccherà al Galaxy S8. Molti sono i dispositivi che, in questo momento, sono in fase beta con l’aggiornamento ad Android Pie.

Stiamo parlando, ad esempio, del Galaxy Note 9 il cui test non sembra andare male per cui la distribuzione ufficiale potrebbe partire dalla Turchia già a partire dal prossimo 15 gennaio. A febbraio, invece, è previsto un solo aggiornamento che, per l’appunto, sarà quello del Galaxy Note 8. Inizialmente il debutto di Pie sul Galaxy Note 8 era previsto in concomitanza con i “cugini” Gaaxy S8 e S8 Plus. Questi ultimi, però, si aggiorneranno a marzo.

Altri cambiamenti  di programma sono stati fatti dall’azienda a quella che era la prima roadmap per l’aggiornamento a Pie. Sono stati inclusi tra i dispositivi aggiornabili il Galaxy A6, l’A6 Plus, il J2 (2018), il J2 Core, il J8 e il J7 Neo. Anticipato, poi, di un mese l’aggiornamento del Galaxy Tab S3 9.7 che non si terrà più a settembre ma ad agosto.

Altri dispositivi, invece, potrebbero ancora rimanere fuori dalla lista degli aggiornabili. Non rimane, comunque, che attendere ulteriori informazioni in merito. Con l’avvicinarsi dell’aggiornamento di S9, S9 Plus e Galaxy Note 8 ne sapremo di certo di più.

Source: Hardware
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: