Bright Memory: in arrivo lo sparatutto sviluppato da una sola persona

Bright Memory è un nuovo FPS in chiave fantasy sviluppato da FQYD Studio. Realizzato grazie al motore grafico Unreal Engine 4, il titolo sembra al pari di un gioco tripla A, nonostante abbia solo un anno di lavoro alle spalle. Il fatto impressionante è che il progetto è stato portato a compimento in one-man teamovvero da un solo programmatore che, partendo da zero, ha impiegato il suo tempo libero e le proprie risorse per la concretizzazione dell’opera; il suo nome è Zeng Xiancheng. Il prodotto è, come abbiamo già detto, uno shooter in prima persona che ricorda molto Shadow Warriors e trasporterà il giocatore in un mondo infestato da orde di belve feroci, demoni e creature di ogni tipo. Per ovvi motivi stiamo parlando di un’esperienza in single player con livelli abbastanza lineari, ma a giudicare dal trailer è lecito aspettarsi un tripudio d’azione ed un uso intensivo del motore fisico che darà risalto ai poteri gravitazionali della protagonista. Lo sviluppatore ha promesso un sostanzioso assaggio delle meccaniche da action game in soggettiva, che forniranno un’immersione nel particolare sistema di combattimento costituito da combo, abilità speciali e numerosi stili di lotta. La storia racconta le gesta di Sheila e del caos derivato dalle scoperte della Natural Science Research Organization (SRO), dopo aver rinvenuto un’antica spada in grado di richiamare presenze inquietanti. Per concludere, nonostante siano necessarie ulteriori implementazioni riguardo a nemici, ambientazioni e varietà di armi, Bright Memory sembra aver tutte le carte in regola per presentarsi a testa alta sul mercato indie e, senza ombra di dubbio, vale la pena darci un’occhiata. Ricordiamo che il il lancio dell’accesso anticipato è fissato per il 12 gennaio 2019, nel frattempo qua sotto troverete il trailer ufficiale pubblicato dal canale YouTube dello stesso Xiancheng. Buona visione.

The post Bright Memory: in arrivo lo sparatutto sviluppato da una sola persona appeared first on VIGAMUS Magazine – Il Magazine sul mondo dei Videogiochi.


Source: Videogiochi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: