Samsung Galaxy A10 alimentato da Snapdragon 845 in arrivo a Gennaio e sensore di impronte in-display?

Questo è indubbiamente un periodo molto pieno per i sudcoreani di Samsung. A Febbraio 2019, infatti, arriverà uno dei più attesi top di gamma dell’anno, il Galaxy S10. Ma nonostante questo, l’azienda è attualmente alle prese anche con altri dispositivi che varcheranno i confini del mercato a breve. Tra questi si colloca il Galaxy A10, un dispositivo che dovrebbe arrivare nei primi momenti dell’anno e che potrebbe essere uno dei primi smartphone dell’azienda, insieme al già citato S10, ad integrare nel display lo scanner per le impronte digitali.

E tutto questo a ben cinque generazioni dal primo scanner biometrico che i sudcoreani abbinarono ad uno smartphone. Il Galaxy A10, dunque, è proprio dietro l’angolo e potrebbe davvero posizionarsi tra i migliori dell’azienda. Non sappiamo molto sullo smartphone in questione perché le indiscrezioni in merito, fino a questo momento, sono state davvero molto poche.

Sappiamo, comunque, che con l’avvicinarsi del lancio arriveranno molte informazioni che ci permetteranno di avere un quadro più chiaro di quello che sarà il prossimo smartphone sudcoreano. Dovrebbe comunque essere superiore, in termini di prestazioni, al Galaxy A9 (2018) che Samsung ha lanciato qualche mese fa.

Al contempo sarà inferiore, naturalmente, al Galaxy S10 per cui rappresenterà la giusta via di mezzo tra i due dispositivi. Nonostante abbiamo già annunciato che non sono note le specifiche, ricordiamo come poche settimane fa fosse trapelata un’informazione secondo cui un Galaxy della serie A era in lavorazione con Snapdragon 845. Molto probabile che si tratti del Galaxy A10.

E tutto questo diventa ancor più veritiero se si considera che l’A9 è alimentato dallo Snapdragon 660 e l’A8 dal 710. La presentazione ufficiale del dispositivo dovrebbe avvenire a gennaio 2019. Vedremo cosa accadrà! Rimanete connessi per non perdere i futuri aggiornamenti.


Source: Hardware

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: