Recensione Apple Mac mini 2018: un elogio al silenzio

Mi godo il nuovo Mac mini (mini, ufficialmente, minuscolo) da un mese, eppure non riesco a capire il suo contesto ideale. L'ho collegato ad un monitor 34 pollici 1440p, ad una Logitech MX Ergo e alla tastiera meccanica Varmilo VA109Mac, e, per tutto questo tempo, ne ho fatto la mia postazione principale. Io ho la configurazione di partenza quindi la meno capiente e la meno potente, ma sono riuscito a farci del montaggio video in 1080P con Adobe Premiere Pro CC e a non sentire il bisogno di più RAM, di più GHz, di una scheda grafica migliore durante il lavoro editoriale di tutti i giorni. Di fatto, con la SSD PCI-Express che si ritrova, e con tutte quelle porte, Mac mini 2018 gira come previsto. Di certo 128 GB di spazio sono pochi per chi ha ambizioni multimediali, ma è un macchina abbastanza noiosa da recensire perché non ha sorprese, slanci o difetti tecnici. Eppure, ripeto, non so a chi consigliarla.

Mac Mini arriva da un'epoca che non esiste più. Al lancio, quando i computer da tenere a casa erano più importanti di quelli da portarsi dietro, era il Mac da abbinare al Mac Pro, potente il giusto per le postazioni d'appoggio dello studio grafico, oppure per quei negozi di fotografia che avevano già investito in un monitor, in una tastiera, in un mouse di qualità. Aveva molto senso anche come computer per la famiglia perché meno costoso di un iMac, ma il suo ambiente naturale è sempre stato quello professionale, quello creativo, dall'editoria alla produzione musicale, dall'essere il server di una rete fatta di Mac, ai recenti utilizzi come strumento per lo sviluppo di app.

Poi la «crisi del fisso» l'ha reso via via meno intrigante: Apple non l'ha più aggiornato, e la concorrenza l'ha superato in prestazioni e miniaturizzazione. Negli ultimi anni, chi ha cercato un Mini PC per il negozio o per l'ufficio ha preso un Intel NUC, non un Mac mini. Mac mini è rimasto in vendita per pochi sprovveduti, o per chi, vincolato all'ambiente di lavoro macOS, voleva spendere il meno possibile.


Tre fotocamere per il massimo divertimento e un hardware eccellente? Huawei Mate 20 Pro, in offerta oggi da Tiger Shop a 775 euro oppure da ePrice a 949 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Source: Hardware
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: