[GameRome 2018] Provato Black Paradox

Al GameRome 2018 abbiamo avuto modo di provare con mano Black Paradox, un interessante titolo sviluppato da Fantastico Studio. Questo gioco fonde il gameplay classico degli shoot ‘em up a scorrimento orizzontale al genere roguelike, offrendo in tal modo esperienze sempre diverse all’utente. Al momento il prodotto è disponibile su IOS e in early access su Steam.

La premessa di Black Paradox è semplice ma efficace: siamo dei cacciatori di taglie dello spazio, e il nostro obiettivo è eliminare i 7 membri della banda più temuta della galassia. Da ogni aspetto del gioco, dalla grafica alla musica, traspare l’amore del team di sviluppo per gli anni ’80. Anche il gameplay, rifacendosi a quello dei titoli arcade vecchia scuola, saprà sicuramente farvi fare un piacevole viaggio nel passato. Esteticamente il titolo è molto curato, e in particolare abbiamo apprezzato i fondali che, grazie ad un abile uso dei colori e della pixel art, risultano estremamente suggestivi. Il comparto sonoro non è da meno: le musiche synthwave che fanno da sottofondo alla nostra avventura si amalgamano perfettamente con gli altri elementi della produzione.

In Black Paradox dobbiamo affrontare 7 livelli di fila, e in caso di game over dovremo ricominciare tutto da capo. Tuttavia, come abbiamo già detto, il titolo è un roguelike: a seguito di una sconfitta potremo sempre usare il denaro che abbiamo accumulato per sbloccare dei potenziamenti permanenti. In particolare potremo contare sulla nostra valuta per acquistare dei chip, che ci forniranno vari benefici, aumentando le nostre chance di successo. Abbiamo notato che i primi di questi circuiti che è possibile ottenere hanno effetti piuttosto trascurabili, come l’1% di possibilità di sparare dei proiettili più potenti, ma fortunatamente andando avanti i bonus diventano molto più tangibili. Le ondate di nemici nella prima parte di ogni stage sono generate casualmente, mentre i boss veri e propri sono sempre gli stessi. In una partita sono riuscito ad arrivare fino al quarto livello, constatando una buona varietà tra le varie aree. A contribuire a prolungare la longevità del titolo ci sono anche le varie armi che è possibile trovare: per adesso sono 20, ma tramite update futuri ne verranno introdotte altre. Questi strumenti cambiano sostanzialmente il modo in cui possiamo approcciarci agli scontri, per esempio potremo trovare una lama rotante, che infligge molto danno ma richiede di avvicinarsi considerevolmente all’avversario, o un raggio laser caricato, con cui (a causa dei lunghi tempi di ricarica) dovremo cercare di eliminare più nemici possibile in un sol colpo. L’unica pecca, a nostro avviso, è il fatto che nella concitazione della battaglia a volte è difficile fermarsi per controllare quale arma è contenuta nei pacchetti rilasciati dai nemici, e per questo a volte ci è capitato di sostituire alla cieca il nostro equipaggiamento.

In generale il gameplay di Black Paradox è frenetico e decisamente divertente. Non abbiamo mai provato la versione mobile del titolo, ma i comandi di quella PC ci sono sembrati piuttosto intuitivi. A differenza di ciò che avviene in vari shmup, la hitbox del nostro veicolo ha praticamente le stesse dimensioni dello sprite, quindi a causa della lunghezza di quest’ultimo sarà leggermente più arduo schivare i proiettili provenienti dal basso e dall’alto rispetto a quelli orizzontali. Comunque, sia per la presenza di una barra della salute, invece delle classiche vite, che la possibilità di recuperare HP raccogliendo degli oggetti lasciati dai nemici sconfitti, il titolo risulta molto meno punitivo di un arcade, e quindi anche meno frustrante. Distruggendo navi avversarie caricheremo una barra, che una volta piena ci permetterà di utilizzare il Black Paradox per creare una copia del nostro mezzo. Sfruttando in modo intelligente questo dispositivo potremo praticamente raddoppiare, per un breve lasso di tempo, la nostra capacità offensiva. In questo gioco è anche presente una modalità co-op per due giocatori, un’aggiunta che personalmente apprezzo molto. L’unico problema è che che attivando in contemporanea il Black Paradox avremo ben 4 macchine a schermo, che, nonostante il colore differente, potrebbero rendere difficile individuare quella che si sta controllando.

Se siete appassionati di shoot ‘em up, o anche solo interessati ad approcciare per la prima volta il genere, Black Paradox è sicuramente un titolo da tenere d’occhio. Grazie a livelli generati casualmente, moltissime armi e la modalità co-op, la longevità dell’opera è notevole. Sicuramente non vediamo l’ora di poter giocare alla versione completa del nuovo lavoro di Fantastico Studio. Intanto, se volete provare in prima persona il titolo vi ricordiamo che sulla pagina di Steam è anche disponibile una demo gratuita. Continuate a seguire le nostre pagine per rimanere aggiornati su tutte le novità del mondo dei videogame.

The post [GameRome 2018] Provato Black Paradox appeared first on VIGAMUS Magazine - Il Magazine sul mondo dei Videogiochi.

Source: Videogiochi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: