[GameRome 2018] Provato Food Invaders

Food Invaders è stato uno dei titoli indipendenti presenti alla GameRome 2018 che abbiamo avuto la possibilità di provare con mano. Il team italiano dietro lo sviluppo, Leaf Games & Software, è nato nel 2015 con l’obiettivo di creare prodotti ambiziosi e stimolanti per i giocatori. In seguito ad alcuni videogame mobile, lo studio ha cominciato sul finire del 2016 a sviluppare su PC, progettando Leap of Champions, un FPS competitivo, e ciò di cui parliamo oggi, Food Invaders. Vediamo quindi di cosa si tratta.

Il gioco si presenta come un miscuglio tra un MOBA e uno sportivo, che vede come protagonisti assoluti gli alimenti in una veste un po’ particolare. A sfidarsi nell’arena saranno infatti cibi di tutti i tipi, con l’aspetto di astronavi e abilità specifiche. La pizza ad esempio può sparare raggi laser o lanciare insidiose mozzarelle su nemici e abitazioni, nonché proteggersi temporaneamente con uno scudo. Quest’ultimo potere rappresenta una delle abilità a disposizione dei veicoli, le quali aumenteranno nel gioco completo. Ogni pietanza ha poi due tipi di attacco,  primario e secondario, con quest’ultimo che ha bisogno di alcuni istanti per poter essere riutilizzato. Il nostro obiettivo sarà quello di portare le “Goldonuts” nella base avversaria e segnare così un punto. Esse si possono trovare nelle abitazioni presenti all’interno dell’arena, le quali sono distruttibili tramite i nostri attacchi, ma alcune case nascondono però nemici che ci si pareranno davanti appena li priveremo della loro dimora. In maniera simile a giochi come Heavy Metal Machines, gli utenti che inseguono il possessore delle Goldonuts devono cercare di sconfiggerlo per appropriarsene e portarle così dalla parte opposta della mappa. La formula è semplice ma può funzionare, anche se da qui alla release andrebbe ancora aggiustato qualcosa, come il movimento forse troppo macchinoso dei personaggi e il sistema di spawn. Gioverebbe infatti molto al gameplay una maggior velocità e accessibilità, in modo da rendere le partite più frenetiche e avvincenti.

Ciò che abbiamo potuto provare all’evento è stato uno scontro uno contro uno, che non rappresenta il modo migliore di affrontare il titolo. Nella sua versione finale infatti il gioco prevede battaglie 3 vs 3 o 5 vs 5, sicuramente più adatte al tipo di gameplay. A detta degli sviluppatori il prodotto sarà un free-to-play con acquisti in gioco, e punterà tutto sul multiplayer online.

Food Invaders è insomma un titolo simpatico che cerca di ritagliarsi uno spazio in un genere abbastanza competitivo. Da accertare sarà la varietà di situazioni che proporrà, la differenziazione dei veicoli, la funzionalità delle arene e altri fattori. Per ora, infatti, quello che abbiamo visto è poco per poter dare giudizi concreti, ma sicuramente vanno migliorati alcuni dettagli per rendere il tutto più godibile. Restiamo quindi in attesa di ulteriori aggiornamenti per scoprire in che modo si evolverà il prodotto, ma per ora ci auguriamo che questa produzione possa riuscire nel conseguimento dei suoi obiettivi.

The post [GameRome 2018] Provato Food Invaders appeared first on VIGAMUS Magazine - Il Magazine sul mondo dei Videogiochi.

Source: Videogiochi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: