Recensione LEGO DC Super Villains

Le premesse sono molto buone: i super-eroi hanno avuto fin troppo spazio a loro dedicato, quindi è giunto il momento di alzare il sipario sui loro antagonisti. Joker, Harley Quinn, Lex Luthor e molti altri entrano in scena in LEGO DC Super Villains, ultimo titolo dai ragazzi di Traveller’s Tales che punta tutto proprio sui cattivi dell’universo DC. Noi, che lo avevamo già provato durante la Gamescom 2018, abbiamo potuto metterci di nuovo le mani per capire meglio su quale fascia d’utenza è indirizzata l’opera. Volete scoprire di più? Ecco a voi la nostra recensione sulla grande occasione dei nemici cubettizzati della Justice League.

I protagonisti di LEGO DC Super Villains sono certamente i cattivi: Anti-Flash, Harley Quinn, Clayface, l’Enigmista e tanti altri si alterneranno continuamente tra una missione e l’altra. L’unico vero personaggio che appare in quasi ogni scena, il cui ruolo importantissimo viene scoperto molto più avanti nella storia, è proprio il nostro avatar. Avviata una nuova partita, infatti, c’è un breve interludio che ci porterà alla creazione del malvagio omino LEGO che abbiamo sempre sognato. Potremo scegliere il volto, le rughe, i capelli, gli accessori, gli abiti e addirittura le animazioni stesse, come la corsa o gli attacchi. Uno dei punti forti di quest’opera è, non a caso, la stragrande presenza di personaggi dell’universo DC, sia eroi che criminali. Ognuno avrà i suoi poteri e abilità caratteristiche, che lo distinguerà da un altro: Lex Luthor potrà usare la sua intelligenza per sabotare un sistema di sicurezza, Deadshot sarà capace di sparare ad un interruttore altrimenti irraggiungibile e così via.

Il level design è molto ben diviso tra sezioni lineari e altre con elementi puzzle.

Il gameplay, infatti, rimane lo stesso cui siamo abituati nei giochi LEGO, senza subire alcun tipo di variazione: passeremo tra un personaggio e l’altro premendo un tasto, saremo chiamati a saltare su piattaforme e a combattere nemici di ogni sorta, come abbiamo sempre fatto in ogni titolo LEGO. Il level design è molto ben diviso tra sezioni lineari e altre con elementi puzzle. Non sarà difficile trovarci davanti a dei rompicapi che non riusciremo a superare se non studiando nel minimo dettaglio ogni angolo della stanza e utilizzando intelligentemente le capacità dei nostri criminali. Tuttavia, ancora una volta il livello di difficoltà non è abbastanza equilibrato, in quanto il gioco di per sé guida molto il giocatore, ma i consigli non sono sempre facili da comprendere, specialmente da un pubblico più giovane.

Fai clic qui per vedere lo slideshow.

La trama ci viene narrata per la prima volta dal punto di vista dei criminali, i quali dovranno fronteggiare la minaccia dei super-cattivi che hanno fatto sparire i classici Superman, Batman, Flash, Wonder Woman e tutto il resto della Justice League, per prendere il loro posto. Purtroppo, questa non viene raccontata come ci saremmo aspettati. Battute e gag di ogni tipo, anche se ci hanno fatto molto ridere, saranno sempre messe in primo piano rispetto la narrazione pura, e seguire gli avvenimenti per capire cosa porta determinati personaggi in una precisa struttura è una sfida troppo ardua. Abbiamo apprezzato molto, invece, la contraddizione di vedere dei criminali svolgere il compito degli eroi, a modo loro. Normalmente non ci si aspetterebbe di vedere Joker a salvare il mondo, ma il susseguirsi degli eventi lo porterà a sconfiggere il Sindacato dei Cattivi con metodi del tutto fuori dall’ordinario, come Batman non farebbe mai.

L’esplorazione da sola può garantire molte ore di svago e di ricerca, elemento che estende la longevità complessiva del gioco

Tra un livello e l’altro avremo la possibilità di scoprire l’intera mappa di gioco, completamente open world. Si tratta dell’unione dei luoghi più iconici dei fumetti DC, come Gotham City di Batman, Metropolis di Superman, ma anche una palude e la Ace Chemical. Dopo aver ottenuto le informazioni sulla zona in cui ci stiamo muovendo, interagendo con una sorta di macchina, potremo iniziare diverse attività secondarie, raccogliere alcuni (anche se pochi) collezionabili o cominciare delle gare a checkpoint. Inoltre, soltanto con determinati poteri potremo raggiungere i più remoti e nascosti angoli della mappa, ad esempio volando con Raven o bruciando i cancelli con le fiamme di Heat Wave. Insomma, l’esplorazione da sola può garantire molte ore di svago e di ricerca, elemento che estende la longevità complessiva del gioco, già promossa dalla ottima quantità di livelli della storia principale.

Pronti a seminare il panico per le strade di Gotham City?

Riguardo la qualità grafica, siamo rimasti sorpresi nel vedere come le luci risultano particolarmente vivaci e come i diversi materiali siano ben distinti tra di loro, ad esempio la plastica dei modelli o il tessuto dei mantelli. Tuttavia, il comparto visivo non fa alcun passo in avanti ma, anzi, resta molto indietro rispetto ad altri titoli attuali. Il problema fondamentale, così come di moltissimi altri giochi LEGO, è la loro attitudine a puntare quasi unicamente su un pubblico di soli ragazzini, e proprio per questo motivo le immagini non necessitano una definizione realistica o di una minuziosa attenzione nei dettagli. Questo discorso, però, non può essere fatto per le problematiche relative alla narrazione, a tratti molto confusa e al livello di difficoltà altalenante dovuto ad aiuti o troppo diretti o completamente assenti quando davvero ne si ha il bisogno.

Tuttavia, considerando LEGO DC Super Villains come un’opera prodotta principalmente per una fascia d’utenza più giovane, non possiamo che considerarlo un ottimo risultato da parte di Traveller’s Tales. Presenta una grandissima varietà di poteri, personaggi, strutture ed enigmi, perfette per giocatori fino ai sedici anni. Motivo per cui ci sentiamo in dovere di consigliarlo a tutti coloro che non vedevano l’ora di impersonare il Joker affiancato dalla simpatica Harley Quinn o uno degli altri 160 personaggi LEGO, tra buoni e cattivi. Magari, sulle lunghe, potrebbe annoiare anche gli appassionati dei titoli con i mattoncini o, addirittura, dei fumetti DC stessi. Ricordiamo ai lettori che LEGO DC Super Villains è ora disponibile su PlayStation 4, Xbox One, Nintendo Switch e PC, sia in formato digitale che fisico.

Recensione LEGO DC Super Villains
7.8Punteggio totale

The post Recensione LEGO DC Super Villains appeared first on VIGAMUS Magazine - Il Magazine sul mondo dei Videogiochi.

Source: VR News
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: