Meltdown e Spectre, una nuova soluzione dai ricercatori del MIT

Le vulnerabilità Meltdown e Spectre scoperte all'inizio dei quest'anno sono state una spina nel fianco dei produttori di CPU, e specialmente di Intel, per tutto il 2018. Nel corso dei mesi sono state rilasciate molteplici patch nel tentativo di risolvere questi problemi, ma al momento, nemmeno i più recenti chip possono dirsi realmente invulnerabili. Anche le nuove CPU Intel di nona generazione includono infatti dei fix hardware che, tuttavia, proteggono solo da alcune varianti delle due falle di sicurezza.

Per risolvere completamente le vulnerabilità occorrerà probabilmente attendere dei cambiamenti più profondi nell'architettura dei chipset. Nel frattempo però alcuni ricercatori del MIT sembrano aver trovato una soluzione alternativa al problema che, piuttosto che correggere le vulnerabilità le isola. In sostanza si è studiato un metodo per partizionare e isolare le cache di memoria con "domini protetti".

A differenza della tecnologia Cache Allocation Technology di Intel (CAT), la tecnologia del MIT, detta DAWG (Dynamically Allocated Way Guard), inibendo il passaggio attraverso questi domini non consente agli hacker di sfruttare le vulnerabilità perché impedisce fisicamente di arrivare alle falle nella cache che permettono di avere accesso ai dati sensibili.


L'iPhone più potente di sempre con il design più classico di sempre? Apple iPhone 8, in offerta oggi da Phone Strike Shop a 555 euro oppure da Amazon a 608 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Source: Hardware
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: