Recensione Dell XPS 15 2-in-1 9575: unico, potente, costoso

Due anni fa i portatili convertibili da 15 pollici erano goffi, pesanti, rumorosi, inadeguati. Al di là di qualche esperimento poco riuscito, questa tipologia portava sul mercato modelli per nicchie particolari, per certi professionisti della grafica o per chi aveva bisogno di un sistema Windows su uno schermo touchscreen di grandi dimensioni.


Ora il mercato è cambiato. Ci sono i nuovi processori Intel e la pressione di AMD; c’è Nvidia a dominare il settore gaming e quindi la produzione di schede video per notebook potenti quasi quanto quelle per desktop. Ma anche le nuove esigenze degli utenti, di chi decide il successo dei prodotti acquistandoli o lasciandoli lì, mai come adesso obbligati ad essere sempre produttivi, ovunque si trovino. Nel mezzo, la crescita di Windows 10 nell’interazione con la penna, che sia per la scrittura a mano libera, per il disegno o per il montaggio video (la stylus serve anche a quello).

Dell XPS 15 2-in-1 (codice 9575) è l’esempio meglio riuscito di quel che sta accadendo. Questo portatile convertibile da 15.6 pollici è spesso solo 16 mm e pesa 1970 grammi pur integrando una batteria da 75 Wh. A chi non coglie il passo in avanti ricordo che la cerniera inclinabile a 360° richiede un bilanciamento diverso dai formati tradizionali: si parla di un 150/200 grammi a suo svantaggio. Così come i componenti: per evitare il rovesciamento devono essere posizionati in certe zone della scocca, anche se questo significa accettare una progettazione non ottimizzata. Costruire un 2-in-1 da 15 pollici impone delle regole, e quindi restare sotto i 2 kg per un formato così grande è una buona notizia.


CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE


Source: Hardware

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: