Vai a…

GameLive

HiTech - Informazioni dal Mondo digitale

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 1.478 altri iscritti

RSS Feed

20/07/2018

Intel, in arrivo nuove protezioni hardware e software contro Spectre e Meltdown


Intel è finalmente pronta a rilasciare alcune protezioni essenziali a livello hardware per combattere la minaccia rappresentata da Spectre, vulnerabilità di cui la maggioranza degli appassionati di tecnologia ha sentito parlare negli ultimi mesi. La chipmaker non sembra inoltre aver tralasciato Meltdown, falla “gemella” di Spectre, a cui verranno invece riservati aggiornamenti e correzioni a livello software.

Secondo le ultime dichiarazioni ufficiali di Intel, i processori in arrivo nei prossimi mesi introdurranno un vero e proprio re-design di alcuni componenti chiave, per i quali saranno disponibili nuovi livelli di protezione attraverso il meccanismo del partizionamento. Le CPU che debutteranno all’insegna di questo cambiamento sono i chipset di nuova generazione Xeon (gamma Cascade Lake) e i processori Intel Core che verranno rilasciati entro la seconda metà dell’anno.

La tecnica del partizionamento, scelta da Intel per ridurre l’impatto delle due vulnerabilità, si comporterà come uno “schermo protettivo” che difenderà le applicazioni e il software che richiede privilegi particolari per l’esecuzione, impedendo o rendendo più remota la possibilità di estrapolare dati sensibili da parte di terzi. Purtroppo, gli utenti che hanno dispositivi su cui sono installate le attuali CPU Intel dovranno affidarsi ad aggiornamenti software per correggere i bug in questione, il che può impattare sulle prestazioni generali del sistema.

Diverso è comunque il caso degli utenti che attenderanno i processori “corretti e migliorati” del brand americano per chiudere definitivamente le vulnerabilità Spectre e Meltdown: i nuovi chipset saranno già protetti di default, in un modo che non avrà effetti negativi sulle performance del sistema in uso. Non ci rimane quindi che attendere l’estate per poter definitivamente dire addio a due degli attacchi che hanno scritto la storia più recente della sicurezza informatica.

via

Source: Hardware

Tags:

Altre storie daHardware

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: