Vai a…

GameLive

HiTech - Informazioni dal Mondo digitale

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 3.358 altri iscritti

RSS Feed

23/05/2018

Minecraft, molte skin disponibili su Play Store sono malware


Minecraft, in tutte le sue incarnazioni, è senza dubbio uno dei sandbox game più amati di sempre da una vastissima community di gamer a livello mondiale. Purtroppo, la popolarità in questo caso ha anche risvolti negativi: il titolo di Mojang continua ad essere preso di mira da diversi cyber-truffatori, che a suon di imitazioni, app companion infettate e ora anche skin per i personaggi, stanno lanciando un vero e proprio attacco di massa su Google Play Store.

Le applicazioni dedicate alla gestione delle skin di Minecraft sono infatti diventate un nuovo “nemico” da cui guardarsi bene. Alcune app sono riuscite ad eludere i controlli dello Store, passando come “legittime” agli occhi di Google. In realtà si tratta di veri e propri vettori di malware, come evidenziato da Symantec, che si è trovata più volte di fronte a casi simili ed è riuscita ad individuare ben 8 applicazioni responsabili degli attacchi all’utenza Android.

Ad un’analisi più approfondita, le app fake Minecraft si rivelano essere degli add-on che permettono di sbloccare funzioni in-game, tra cui nuovi costumi (o skin) per i nostri personaggi. Dopo essere state installate, tuttavia, le applicazioni contaminate attivano una connessione remota ad un server sconosciuto che risponderà con l’invio di pubblicità verso il terminale della vittima. Gli ads non vengono effettivamente mostrati sullo schermo, tuttavia il battery drain che la loro ricezione comporta è comunque notevole per l’utente.

Le applicazioni fake per Minecraft sono state installate purtroppo su 2 milioni di device fino ad ora, e sembrano provenire da un solo developer chiamato FunBlaster. Mentre si direbbe obbligatorio diffidare da qualsiasi app provenga da questo sviluppatore, Google è già stata notificata del problema e sta provvedendo a rimuovere le app incriminate. Non sarà di certo l’ultima volta, comunque, in cui sentiremo parlare di attacchi simili: come cambieranno le policy di Play Store per salvaguardare gli utenti da imprevisti del genere?

via

Source: Hardware

Altre storie daHardware

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: