Vai a…

GameLive

HiTech - Informazioni dal Mondo digitale

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 3.355 altri iscritti

RSS Feed

22/05/2018

Nintendo su Switch vuole titoli anche per adulti con contenuti maturi e controversi


Le console di Nintendo sono considerate da molte persone piattaforme destinate alle famiglie, con titoli focalizzati ad un pubblico di videogiocatori più piccini. A tutti gli effetti, la casa di Kyoto raramente propone giochi che includono al loro interno contenuti violenti e controversi.

Qualcosa però nel prossimo futuro potrebbe cambiare in quanto la casa di Kyoto, secondo quanto riportato dal Wall Street Journal, sembra essere intenzionata a dare filo da torcere agli altri due colossi dell'industria videoludica, Sony e Microsoft, che con le loro console riescono ad attrarre un pubblico di videogiocatori più adulti grazie alla presenza di titoli con contenuti decisamente più maturi.

Switch sta ottenendo in tutto il mondo ottimi risultati in termini di vendite e se Nintendo riuscisse ad abbracciare anche i giocatori più adulti, la nuova console ibrida potrebbe davvero "sfondare" raggiungendo persino il successo di Playstation 4, che ha toccato la soglia dei 63,3 milioni di unità piazzate.

Stando a quanto riportato dal WSJla casa di Kyoto, nonostante sia intenzionata a continuare ad abbracciare con i suoi titoli famiglie e bambini, sta spingendo le software house di terze parti a pubblicare titoli con contenuti destinati ad un pubblico più adulto.
Indubbiamente l'arrivo su Switch di DOOM, di Wolfenstein 2 The New Colossus, di Nights of Azure 2: Bride of the New Moon, RPG caratterizzato dalla presenza di personaggi femminili poco vestiti, testimoniano la volontà di Nintendo di ampliare il suo bacino d''utenza. Alcuni sviluppatori inoltre si sono mostrati stupiti dal fatto che la casa di Kyoto abbia mostrato interesse nei confronti di determinati titoli come testimoniano le parole di Takuya Aizu, amministratore delegato di Inti Creates, software house che ha creato lo shooter Gal*Gun 2:
Non credevo fosse possibile rilasciare su Switch un gioco del genere e invece sono rimasto stupito dall'interesse che Nintendo ha dimostrato nei confronti del titolo e delle risposte positive che ho ricevuto.
La casa di Kyoto sembra quindi assolutamente intenzionata a modificare parte della sua politica e infatti i responsabili dell'azienda hanno tenuto a sottolineare che anche nel mondo della Televisione, dei libri e dei Film, vengono proposti contenuti destinati a diverse tipologie di pubblico. Nintendo ha inoltre specificato che sulle sue console esistono vari sistemi che i genitori possono utilizzare per monitorare le attività dei figli e per impedirgli di affrontare giochi non idonei alla loro età.

Altre storie daVideogiochi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: