Intel torna ai chipset a 22nm per affrontare la crisi produttiva

Intel fa un passo indietro e torna al vecchio processo produttivo a 22nm per fronteggiare l'attuale crisi produttiva, dovutaal rinvio dei processori a 10nm e al conseguente aumento della domanda per i chip a 14nm attualmente in commercio. Stando al report di Tom's Hardware USA, l'azienda californiana starebbe già producendo alcuni chipset serie 300 con il vecchio processo a 22nm, in luogo di quello a 14nm utilizzato per i modelli prodotti fino ad ora.

Questa inversione di rotta, che sicuramente non farà molto piacere agli utenti, non riguarda quindi i processori, ma neanche tutti i modelli di chipset serie 300. Stando alla fonte infatti, attualmente il chipset interessato da questo downgrade è solo il modello di fascia bassa H310.

La nuova variante del chipset H310 a 22nm sarà identificata con la sigla H310C (o H310 R2.0) e a quanto pare sarà compatibile anche con Windows 7 grazie al supporto driver. Il ritorno a un processo produttivo di precedente generazione (14 vs 22nm) comporterà ovviamente un chipset più generoso nelle dimensioni e con consumi leggermente superiori.


Schermo Oled da 6 pollici in dimensioni contenute? LG V30, in offerta oggi da Clicksmart a 389 euro oppure da Media World a 449 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Source: Hardware
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: