Era solo questione di tempo prima che PlayStation VR perdesse l’esclusiva su Skyrim VR, l’adattamento per la realtà virtuale del celebre capitolo della saga The Elder Scrolls, nata dall’ingegno di Bethesda. Il titolo, infatti, è diventato disponibile per il preacquisto su Steam al prezzo di 59,99€, sancendo il suo ufficiale debutto su PC e, come specificato sulla pagina della piattaforma di Valve, su Oculus Rift e HTC Vive e Windows MRThe Elder Scrolls V: Skyrimsi può quasi definire onnipresente nel panorama videoludico; dal suo lancio nel 2011, al momento può contare numerose apparizioni su ben sei differenti piattaforme, e il suo approdo nella realtà virtuale non può che rendere l’esperienza più stupefacente. La versione su Steam VR del gioco rappresenta un notevole aggiornamento rispetto alla sua controparte per PSVR, integrando una migliore fedeltà a livello visivo, un perfezionamento dei controlli, grazie a Oculus Touch, i controller di Vive e Windows MR, e inoltre la possibilità di muoversi liberamente all’interno dell’ambientazione sfruttando il room-scale. Insomma, tutto ciò che ci faceva storcere un po’ il naso nella precedente edizione potrà finalmente brillare sotto una nuova luce grazie alle alte prestazioni di un PC.
Skyrim VR uscirà il 3 aprile 2018 e includerà tutte le espansioni ufficiali del gioco: DawnguardHearthfire e Dragonborn. Nonostante il quinto capitolo di The Elder Scrolls sia riconosciuto come uno dei giochi più modificati di sempre, grazie all’impegno e alla dedizione dei fan più appassionati, pare che, esattamente come per la versione su PlayStation VRanche quella disponibile su PC non potrà vantare del supporto delle mod“Al momento non è previsto un supporto per le mod, poiché l’obiettivo del team è quello di ricreare l’atmosfera di Skyrim VR in tutta la sua essenza e di renderla bellissima.” espone un rappresentante di Bethesda, restando in linea con la politica applicata per PSVR. Tuttavia, la speranza di vedere il campo spianato per le mod, in futuro almeno, per la trasposizione su PC resta viva nel cuore dei fan. Il modding è sempre stato un punto fermo nei titoli Bethesda, quindi vedere nuovamente il supporto di Steam Workshop rientrerebbe solo nell’ordine naturale delle cose. A questo punto, con tutta probabilità, il coinvolgimento di Bethesda nella VR non si fermerà qui. Non ci resta che attendere la conferenza all’E3 della compagnia, che non esiterà a stupirci ancora una volta con i suoi annunci.