Vai a…

GameLive

HiTech - Informazioni dal Mondo digitale

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 3.389 altri iscritti

RSS Feed

24/06/2018

Google+ ci riprova: arriva un nuovo aggiornamento Android dedicato al social network


Per Google+ non sembra essere ancora finita: nonostante il crescente calo di popolarità del social network creato da Big G per contrastare l’egemonia di Facebook e Twitter, la casa di Mountain View crede ancora nelle possibilità della piattaforma, ed è pronta a lanciarne una versione per Android completamente rinnovata per consentire un’esperienza d’uso più fresca e multimediale: sarà proprio questa la “ricetta segreta” che porterà Plus all’attenzione del web?

Dopo aver migliorato la gestione dello spam e aver aggiunto strumenti più pratici per moderare, bloccare ed effettuare report su contenuti discutibili apparsi sul social, Google Plus riapparirà sotto nuova veste su Android. Big G ha già annunciato l’arrivo dell’aggiornamento, che potrà sembrare del tutto simile alla versione attuale dal punto di vista grafico, tuttavia presenterà “importanti cambiamenti”, non ancora specificati ma già implementati nella versione beta.

La forza trainante di Google+, nonostante il network non abbia il bacino di utenza di giganti quali Facebook, è sempre stata incarnata dalle communities, i gruppi che hanno permesso a milioni di iscritti di trovare informazioni utili in merito a interessi comuni. Per questo, è del tutto possibile che al centro della rinascita di Plus ci sia proprio un nuovo metodo di interazione e scoperta di nuove comunità digitali, nonostante Google mantenga al momento massima segretezza sulle funzioni in arrivo.

Finora non sembrano essere trapelate APK di Google+ che contengano tutte le novità annunciate, ma è del tutto possibile che i principali cambiamenti verranno implementati server-side, senza necessità di scaricare o aggiornare direttamente da Play Store: attendiamo le prossime mosse di Google per sapere cosa ci aspetterà esattamente.

via

Source: Hardware

Tags:

Altre storie daHardware

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: