Vai a…

GameLive

HiTech - Informazioni dal Mondo digitale

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 1.480 altri iscritti

RSS Feed

21/07/2018

Pimax risponde alle critiche ricevute al CES sull’ultimo prototipo di 8K


Il CES 2018 era un evento molto atteso per i sostenitori della campagna Kickstarter di Pimax, che ha raccolto 4,2 milioni di dollari in crowdfunding lo scorso anno per la produzione di un visore VR che promette un salto epocale in termini di risoluzione e campo visivo. All’evento era infatti atteso il quinto prototipo della serie, dopo che i precedenti avevano ricevuto pareri lusinghieri nelle varie demo pubbliche. Le cose, però, non sono andate come si sperava, molti sono stati i pareri negativi che hanno lamentato distorsioni ai bordi delle lenti e problemi di tracciamento. Pimax ha così voluto dare una sua versione di come sono andate le cose: “Salve a tutti, sono dello staff di Pimax, il mio nome è Xunshu. Ecco cosa è successo: Il V5 è il primo prototipo uscito dai tool per la produzione di massa, che ha ancora bisogno di parecchio lavoro di rifinitura. Ciò nonostante abbiamo deciso di portarlo comunque al CES per mostrare ai nostri sostenitori l’ultima versione. Abbiamo apportato diverse modifiche con la versione V5. Ad esempio le lenti e il loro disegno meccanico vengono entrambe dal nuovo tool di produzione. Questo cambiamento può portare a nuovi problemi, come le riflessioni, ma questi problemi saranno eliminati nella versione finale e dopo la messa a punto si potranno vedere i vantaggi di questo nuovo design. Inoltre per aumentare la luminosità di circa il 30% abbiamo aggiunto 3 LED nel pannello di retroilluminazione, portando il totale da 12 a 15 e di conseguenza aumentando la corrente che alimenta il pannello LED. Questo però ha avuto la conseguenza di sottrarre corrente in altre parti generando problemi, come per esempio alle prestazioni del tracciamento. Non è un problema difficile da risolvere e il team ci sta già lavorando. Usiamo la tecnologia di tracciamento di Valve, le prestazioni nel tracciamento non possono essere un problema nel prodotto finale. Dopo la dovuta messa a punto di hardware e software e quando tutti i problemi saranno stati risolti prevediamo di spedire un numero limitato di unità ad un gruppo selezionato di backers, e porteremo altre unità nei roadshow per farle testare ad altri backers. L’analisi dettagliata dei problemi, insieme al programma di spedizione, saranno aggiornati nel corso di questo mese.

Altre storie daRealta Virtuale

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: