Vivo svela il primo smartphone con lettore di impronte nel display al CES 2018

Synaptics ha svelato alla fine del 2017 il primo lettore di impronte digitali che può essere integrato all’interno di un display, e aveva anche annunciato che il primo smartphone con questa tecnologia sarebbe arrivato nei primi mesi del 2018. E così è stato: Vivo ha appena rivelato al CES 2018 il primo smartphone con sensore biometrico all’interno dello schermo. Si tratta ovviamente di uno smartphone borderless, perchè se ci fosse spazio per un tasto Home sulla parte frontale la cosa avrebbe molto meno senso.

Tuttavia il cellulare non è stato ancora finalizzato e il suo nome non è ancora stato svelato. Il terminale Vivo ha uno chassis in metallo in colorazione anodizzata nera, ed anche una doppia fotocamera posteriore. Ma veniamo al lettore di impronte digitali: come funziona? In pratica il chip è piazzato sotto il vetro frontale e utilizza l’illuminazione fornita dal pannello OLED per illuminare il dito e riconoscere l’impronta digitale. Questo sensore biometrico funziona anche quando il display è spento e quindi lo smartphone è in standby.

vivo

Dalle prime prove effettuate al CES 2018 si può affermare che il lettore di impronte digitali in questo smartphone Vivo non è veloce come quello tradizionale che troviamo sugli altri smartphone di punta, tuttavia ha una velocità nella media e non ha una lentezza così eccessiva da compromettere l’esperienza utente. E voi preferite un sensore di impronte digitali fulmineo ma sul retro, uno fulmineo sulla parte frontale ma senza schermo borderless oppure questa tecnologia di Synaptics?

Source: Hardware
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: