Vai a…

GameLive

HiTech - Informazioni dal Mondo digitale

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 3.365 altri iscritti

RSS Feed

22/04/2018

Recensione Freewrite | #FWC EP6


Ho iniziato a scrivere articoli sul progetto Hemingwrite (finanziato su Kickstarter poi rinominato Freewrite) ad inizio 2014. Ai tempi, lavoravo da pochi mesi per HDblog e non avevo ancora scoperto quel meraviglioso dispositivo chiamato AlphaSmart Neo 2. La prospettiva di uno schermo E-Ink abbinato ad una tastiera meccanica, con un telaio resistente, un'autonomia di settimane e la sincronizzazione cloud, mi sembrava un sogno. L'idea di base non era rivoluzionaria (da sempre, nei forum internazionali, si cerca di collegare una tastiera ad un ebook reader per prendere note in mobilità) ma metteva insieme le tecnologie giuste e prometteva uno sviluppo software comunitario.

Fun with Caps! è una nuova serie di HDblog.it con recensioni e prove alle migliori tastiere meccaniche in commercio. Proviamo modelli per il mercato consumer, da gaming o da ufficio, e prodotti di nicchia, da veri intenditori. Per ricevere le notifiche dei nuovi episodi è consigliato iscriversi al canale Youtube di HDblog.it. C’è anche una playlist dedicata. Buon divertimento!

Chi non riesce a cogliere l'entusiasmo di quei tempi dovrebbe capire che un prodotto così particolare, una macchina da scrivere smart, non potrà mai arrivare da un marchio famoso. Non c'è abbastanza richiesta. I dispositivi per una scrittura senza distrazioni si costruiscono in casa, non si comprano già pronti. Io ho un paio di vecchi PC (Sharp, Apple) comprati proprio per progetti simili, tutti più o meno fermi o abbandonati per un motivo o per l'altro. Vedere un piccolo team al lavoro su qualcosa di concreto (e potenzialmente perfetto) è davvero una buona notizia per chi segue queste cose. Da qui il successo su Kickstarter con oltre 350.000 dollari ottenuti per il suo sviluppo.

Specifiche tecniche Freewrite

  • Display E-Ink illuminato / Finestra scrittura da 121 x 68 mm e 113 x 18 mm
  • Tastiera meccanica full-size Cherry MX brown / ISO o ANSI / Keycaps ABS
  • Archiviazione interna eMMC per migliaia di documenti
  • Rete Wi-Fi 2.4 Ghz per la sincronizzazione cloud e aggiornamenti OTA
  • Porta USB-C per ricarica e download dei documenti scritti (non upload)
  • Batteria per 4 settimane di autonomia (30 min/giorno con Wi-Fi spento)
  • Supporto Dropbox, Evernote e Google Drive in PDF e txt - via Postbox
  • Telaio in metallo da 298 x 237 x 70 mm / Peso 1800 grammi

Adesso c'è chi si sta chiedendo:- Ma perché? Non puoi semplicemente staccare Internet e lavorare senza distrazioni? -. In teoria sì, nella pratica è molto più difficile. Tra email, social network, news da controllare, lo smartphone sempre sul pezzo, le mille cose che ti passano per la mente. Spesso non basta premere un tasto per concentrarsi. Chi, come me, ha un lavoro basato sui movimenti di Internet, cerca vincoli in più, ha bisogno di una costrizione. E, magari, anche di un dispositivo dedicato (per costruzione, ergonomia, qualità dei componenti, carattere) a quella specifica attività. È proprio come chi mette la sveglia alle 6 del mattino per evitare l'imprevisto che poi diventa il pretesto per non andare a correre, oppure chi - sempre correndo - si allontana da casa anziché fare dei giri così da essere costretto a tornare indietro e fare più chilometri. Siamo tutti vittime di strategie mentali simili.


Cerchi lo schermo con la maggiore risoluzione e supporto 4K?? Sony Xperia XZ Premium, in offerta oggi da Tiger Shop a 496 euro oppure da Amazon a 555 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Source: Hardware

Altre storie daHardware

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: