Vai a…

GameLive

HiTech - Informazioni dal Mondo digitale

RSS Feed

18/01/2018

Opera 50, in arrivo il supporto a Google Chromecast


Opera browser è ormai noto per offrirci, all’uscita di ogni versione destinata ai developer, piccoli e grandi miglioramenti sul fronte dell’usabilità e della compatibilità con nuovi formati e standard multimediali. Anche l’ultima release Opera 50 non fa eccezione: questa volta, la software house norvegese ha deciso di integrare il supporto a Google Chromecast, dispositivo per video streaming tra i più noti in Italia e nel mondo.

Opera 50 per developer compie così un passo importante nella perenne sfida contro Google Chrome, assieme a Firefox uno dei suoi concorrenti più diretti, permettendo agli utenti di sperimentare i feature di Chromecast direttamente dal proprio browser. La nuova funzione non è comunque abilitata di default una volta effettuato l’aggiornamento, perciò dovremo impostarla manualmente dal menu Impostazioni – Interfaccia Utente – Abilita Supporto Chromecast.

Si elimina così definitivamente la necessità di usare estensioni e add-on per Opera dedicate a Google Chromecast, tra cui Chrome Extension per abilitare la compatibilità con le estensioni Chrome e successivamente Google Cast per permettere lo streaming con Chromecast. Indipendentemente dalla piattaforma in uso (Windows, macOS, Linux) potremo effettuare il video cast di schede, video e del desktop full screen, con la massima comodità.

Per chi si domandasse se in Opera 50 developer fossero presenti anche altre migliorie, la risposta è certamente si: Opera Software ha corretto un bug che fino ad oggi causava la perdita della sessione di navigazione corrente dopo un crash improvviso, ed ha aggiunto un tool per il calcolo del valore delle cryptocurrencies più diffuse: l’onnipresente Bitcoin, Ethereum, Bitcoin Cash e Litecoin.

Un aggiornamento quindi da non perdere per chi è attento ad una navigazione Internet sempre più compatibile con la multimedialità Google, la stabilità generale dell’applicazione e ovviamente ha spesso a che vedere con le criptovalute più popolari.

via

Source: Hardware

Altre storie daHardware

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: