Vai a…

GameLive

HiTech - Informazioni dal Mondo digitale

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 1.478 altri iscritti

RSS Feed

18/07/2018

OnePlus e la raccolta dati utente: cambiano le policy di OxygenOS


OnePlus è recentemente finita nell’occhio del ciclone, per via di una serie di pratiche non propriamente trasparenti in merito alla raccolta dati utente avvenuta tramite OxygenOS, la ROM pre-installata sugli omonimi device della casa cinese. Gli esperti che hanno analizzato a dovere OxygenOS hanno scoperto che l’OS Android-based invia ad OnePlus quantità massicce di informazioni a livello di analytics, in modalità perlopiù ignote all’utente.

Mentre moltissime software house e produttori di dispositivi abilitano questo tipo di raccolta dati per migliorare le performance dei dispositivi, e chiudere definitivamente alcuni pericolosi bug arginando i problemi di stabilità, la quantità di informazioni inoltrata a OnePlus tramite OxygenOS è senz’altro “eccessiva”, secondo gli analisti. Al brand orientale vengono infatti inviati codici relativi al numero IMEI del dispositivo in uso, il recapito telefonico, il nome di ogni app aperta dal primo giorno di vita del device, informazioni sulla connessione Wi-Fi in uso e persino il MAC address.

OnePlus si è pronunciata ufficialmente in merito al caso, suggerendo che l’invio di dati analytics in merito ai propri dispositivi è opzionale, e può essere disabilitato semplicemente accedendo alle Impostazioni. Molti utenti non hanno comunque gradito che l’opzione di invio dati personali fosse abilitata di default: sembra che la loro delusione sia stata finalmente presa in considerazione. Infatti da fine Ottobre tutti i device OnePlus che installeranno OxygenOS includeranno un prompt specifico che permetterà a tutti una scelta ben definita in merito all’invio di informazioni specifiche.

Il brand ha inoltre specificato che non collezionerà più dati specifici tra cui quelli relativi al recapito telefonico e le informazioni sul traffico Wi-Fi, aprendo quindi ad una maggiore privacy utente. Come verrà accolto da fine mese questo cambiamento delle policy per OxygenOS, fino ad oggi considerata una delle migliori custom ROM per i device Android?

via

Source: Hardware

Altre storie daHardware

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: