Vai a…

GameLive

HiTech - Informazioni dal Mondo digitale

RSS Feed

17/01/2018

Il governo USA non ha più paura del Millennium Bug


Alle 23:59 del 31 dicembre 1999 non tutti erano in trepida attesa del nuovo millennio: molti analisti, tecnici ed esperti di sicurezza informatica aspettavano una delle batoste più gravi della storia dell'umanità. Tutto a causa di un bug dei computer: salvavano gli anni nelle date con solo le ultime due cifre invece che tutte e quattro, per cui all'arrivo dell'anno 2000 avrebbero creduto di essere tornati indietro di un secolo. Le compagnie aeree e gli aeroporti si sarebbero bloccati, le borse sarebbero andate nel caos, la gente non avrebbe più potuto prelevare soldi dai bancomat.

Allo scoccare della mezzanotte successe esattamente... niente. I botti esplosero, la gente brindò e fece festa e il mondo continuò a girare come sempre. Il Millennium Bug fu archiviato come una delle più colossali e infondate psicosi informatiche di sempre (si beccò pure la copertina di Time quell'anno, tanto per dire). Ma che voi ci crediate o no, qualcuno lo riteneva ancora una minaccia concreta fino a pochi giorni fa: nientemeno che il governo degli Stati Uniti.

Tutte le agenzie federali erano ancora obbligate a preparare rapporti dettagliati sullo stato di preparazione dei sistemi informatici al Millennium Bug, nonostante siano passati ormai più di 17 anni. Poche ore fa, la Casa Bianca ha finalmente detto basta, con un decreto (PDF) volto a ridurre le scartoffie completamente inutili. Tra gli altri esempi, il Pentagono non deve più compilare un rapporto ogni volta che paga un piccolo rivenditore: 1.200 ore lavorative risparmiate in un anno.


Il piccolo della gamma Xperia con un grande cuore? Sony Xperia Z5 Compact, in offerta oggi da Amazon Marketplace a 449 euro oppure da Amazon a 595 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Source: Hardware

Altre storie daHardware

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: