Vai a…

GameLive

HiTech - Informazioni dal Mondo digitale

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 3.361 altri iscritti

RSS Feed

21/04/2018

Chip auto-assemblanti a supporto della Legge di Moore


Fino a pochi giorni fa si riteneva che la Legge di Moore fosse oramai obsoleta. Nel 1965 il co-fondatore di Intel aveva infatti provato empiricamente che il numero di transistor di un circuito integrato raddoppiava ogni 2 anni, portando ad un raddoppio delle prestazioni dei processori ogni 18 mesi.

Il giocattolo si è rotto”, è stato detto dagli stessi dirigenti Intel, visto e considerato che il ciclo è passato dai precedenti 24 mesi agli attuali 48 mesi. Il doppio, in poche parole. Ma c’è ancora margine per riportare la legge di Moore agli antichi fasti? Secondo un gruppo di ricerca del MIT la risposta è sì.

Il Massachusetts Institute of Technology - in collaborazione con la University of Chicago - ha sviluppato una tecnologia per l’auto-assemblaggio che permette di inserire un maggior numero di componenti all’interno di un singolo chip, riportando così in auge la legge empirica del co-fondatore di Intel garantendole popolarità anche negli anni a seguire.


Spendere poco per avere tanto? Huawei P9 Lite, compralo al miglior prezzo da Amazon a 198 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Source: Hardware

Altre storie daHardware

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: